Libero professionista o ETP? 10 domande da porsi prima di decidere

Come designer, hai una probabilità molto più alta di confrontarti con il dilemma dei dipendenti a tempo pieno rispetto a quello della maggior parte delle persone. Indipendentemente dalla parte in cui ti trovi attualmente o in cui sei già stato, ci sono diverse domande chiave che dovresti porti prima di decidere dove ti adatti al meglio.

Di seguito daremo uno sguardo a dieci domande di questo tipo che puoi utilizzare per valutare le tue aspirazioni di carriera e gli obiettivi a lungo termine. Ti offriremo anche tantissimi consigli lungo la strada su come interpretare le tue risposte a ogni domanda.

Questo articolo è la terza parte di una serie in quattro parti su come migliorare la tua piccola impresa o il tuo libero professionista. Tratteremo di tutto, dagli strumenti per risparmiare tempo al guadagno extra e persino alla scelta del miglior percorso di carriera. Offerto da te in collaborazione con Heart Internet Reseller Hosting.

1. Ti piacciono gli affari tanto quanto il design?

Questa domanda è assolutamente fondamentale per sperimentare il successo a lungo termine come libero professionista. Abbastanza interessante, penso che molti liberi professionisti abbiano una visione completamente all'indietro di cosa significhi la loro risposta a questa domanda.

Molte persone presumono che la propensione a godersi il mondo degli affari significhi che sei destinato a una scrivania aziendale. Indossare un abito, portare in giro le penne per la matematica anziché le matite per disegnare e baciare il capo sono tutte attività "commerciali" che spingono le persone a freelance e lontano dal normale lavoro a tempo pieno.

Tuttavia, molto più importante di queste considerazioni è il fatto che essere un libero professionista significa che devi imparare a gestire la tua attività (anche se si tratta solo di un solo uomo / donna). Certo, puoi volare per alcuni anni senza alcuna reale conoscenza di come gestire un'azienda, ma prima o poi ti raggiungerà.

Come si impegnano i liberi professionisti nelle attività commerciali?

Essere un libero professionista significa comprendere le leggi fiscali locali e federali, studiare e scegliere una dichiarazione adatta alla tua attività (appaltatore indipendente, LLC, ecc.), Compilare documenti, elaborare un piano di marketing, pianificare incontri con clienti e tonnellate di altri attività che non hanno nulla a che fare con il design.

Se sei il tipo di persona che evita il pensiero di così noioso lavoro extra, il freelance potrebbe non essere adatto a te. Avere un lavoro a tempo pieno spesso significa che puoi semplicemente dimenticare tutte queste cose. La società per cui lavori si occuperà di molte o tutte le attività commerciali e puoi focalizzare la tua attenzione su ciò che sai fare: il design.

2. Quanto sei autonomo?

Questa domanda è abbastanza semplice e puoi senza dubbio giudicare correttamente il risultato: se non sei molto autonomo, probabilmente non dovresti essere un libero professionista. Lo sapevi già, così tanto vero?

Il problema che accompagna questa domanda è una valutazione disonesta di quanto sei autonomo. Scommetto che 9 persone su 10 che hanno fatto questa domanda direbbero che sono molto auto-guidate, ma ammettiamolo, non c'è modo che il 90% della popolazione sia davvero motivato.

Spesso è una buona idea mettersi alla prova in modo da poter davvero avere un'idea della domanda. Come esercizio, trova qualcosa che hai sempre desiderato imparare, assicurati che sia qualcosa che puoi imparare seduto alla tua scrivania: html, css, PHP, i dettagli e la stampa fuori schermo; tutto ciò che può essere appreso a fondo online. Ora rinchiuditi in una stanza (da solo) per tre ore e cerca di imparare il più possibile al riguardo. Durante la ricerca, pensa a come nessuno ti sta davvero costringendo a farlo. Pensa ai giochi a cui potresti giocare, apri un client Twitter e prova a resistere a guardarlo e considera quanto tempo è passato da quando hai controllato Facebook.

Alla fine delle tre ore, ripassa quanto hai veramente realizzato. Quanto hai fatto quando nessuno era lì per spingerti? Sei stato completamente dedicato, leggermente distratto (non preoccuparti, anche i migliori liberi professionisti si sono un po 'distratti) o le tre ore sono state una perdita di tempo perché semplicemente non riuscivi a concentrarti sull'attività da svolgere?

Questa è una simulazione decente di cosa significhi essere un libero professionista (solo peggio perché spesso non vuoi davvero fare il lavoro che devi fare). Per quanto sia fastidioso avere un capo che ti guarda alle spalle, alcune persone hanno semplicemente bisogno che la responsabilità sia produttiva. Non c'è niente di sbagliato nel bisogno, devi solo essere onesto e ammettere a te stesso che quando nessuno ti sta guidando, è difficile o impossibile fare qualcosa. In questo caso, un concerto a tempo pieno dei dipendenti potrebbe essere la strada da percorrere.

Tuttavia, per molte persone, il tipo di ambiente tranquillo e personale sopra descritto è esattamente dove prosperano. Il posto di lavoro è un luogo affollato e distratto e può provocare confusione sulla concentrazione molto più di Facebook. Se annuisci con la testa d'accordo, il libero professionista potrebbe fare al caso tuo.

3. Come si risponde al feedback?

Questa risposta a questa domanda è difficile da interpretare. La verità è che sia i liberi professionisti che i designer FTE devono sopportare un sacco di feedback, la differenza chiave sta nella loro provenienza.

I liberi professionisti spesso trattano direttamente con i clienti e quindi devono essere in grado di gestire le richieste fatte da qualcuno non sempre qualificato a darglielo. I tuoi bellissimi disegni saranno rovinati dai clienti e dovrai imparare a sorridere e accettarli perché ti stanno pagando. Conosco personalmente i liberi professionisti che impazziscono quando i clienti richiedono cambiamenti anche ragionevoli. Questo è un ottimo modo per gestire la tua attività perché hai spaventato tutti i tuoi clienti.

Tuttavia, la cosa grandiosa di essere un libero professionista è che in realtà hai molta libertà su chi scegli di lavorare e cosa scegli di fornire. Alcuni clienti faranno richieste elevate e solleveranno aspre critiche come se fossero i tuoi proprietari, e puoi abbandonarle quando lo fanno. Licenziare un cliente violento quando è solo uno dei tanti è molto più facile che abbandonare un lavoro da cui dipende per pagare il mutuo.

L'altra parte

Nel mondo aziendale, c'è spesso (anche se certamente non sempre) quel buffer tra clienti e designer noto come "gestione". Questo ha lati positivi e negativi. Se hai un buon manager, affrontano tutte le fastidiose seccature e discussioni del cliente e setacciano attraverso feedback complicati per trovare punti che renderanno davvero migliore la creatività. Un cattivo manager d'altra parte, è solo un anello di una catena.

Più grande è l'azienda, peggiore diventa questa situazione. So in prima persona che le grandi aziende di marketing hanno così tanta burocrazia e burocrazia che può portare una persona alla follia. Esistono spesso più livelli di designer, brand manager e account manager sia per la società di marketing che per il lato client. Possono volerci letteralmente mesi di modifiche frequenti e ridondanti per ottenere una singola pagina di creatività approvata.

Il punto è che, per essere un designer FTE di successo, devi essere preparato per un feedback indiretto e molto. Per essere un designer freelance, devi ancora essere pronto per il feedback, ma direttamente dal cliente (che è sia un professionista che un truffatore in diverse situazioni).

4. Ti piace il lavoro di squadra?

Tutto questo discorso sulla burocrazia mi porta al mio prossimo argomento: il lavoro di squadra. Il lavoro di squadra è un argomento enorme studiato e implementato a fondo nelle scuole di business nel tentativo di convincerti che è semplicemente il modo migliore per svolgere grandi compiti. La domanda è: hai comprato quello che stavano vendendo?

Alcune persone prosperano assolutamente in un ambiente di squadra. Ho una zia che gestisce un team di designer e adora assolutamente l'intera esperienza del team. La condivisione di conoscenze e idee, il reciproco incoraggiamento, il cameratismo; non lo scambierebbe con il mondo.

Sono l'opposto. Al college, un "progetto di gruppo" significava rimanere bloccati con un gruppo di fannulloni procrastinanti che hanno fatto scendere il mio grado. L'ho imparato rapidamente, quindi alla fine il "progetto di gruppo" è arrivato a significare che tutti nel gruppo mi hanno semplicemente ringraziato per aver fatto tutto il lavoro e aver ricevuto loro una A.

Ciò è continuato fino all'età adulta. Quando faccio parte di una squadra di più di due persone, non posso fare a meno di piangere le inefficienze del sistema e desiderare che tutti smettano di tenere riunioni inutili in modo da poter effettivamente svolgere un vero lavoro.

Il punto è che entrambe queste opinioni hanno i loro punti di forza. Tutto dipende da come lavori meglio. Se è in un ambiente di squadra, potresti essere infelice a lavorare da solo a casa. Se è solo, probabilmente odierai lavorare 9-5 come un piccolo ingranaggio in una grande macchina.

5. Come sono le tue abilità comunicative?

Questo può sembrare stranamente simile alla domanda sul lavoro di squadra, ma è importante notare le differenze. Hai sicuramente bisogno di grandi capacità comunicative in un ambiente di team aziendale, ma gestire la tua attività, discutere di progetti con i clienti e vincere nuovi lavori implica una comunicazione incessante da cui dipendi per sopravvivere.

In una squadra, puoi essere quel ragazzo tranquillo che abbassa la testa e lavora instancabilmente e ingrato. Hai ancora uno stipendio e spero che il tuo capo realizzi il tuo valore anche se non te lo dice. Quando sei uno spettacolo personale le cose sono drasticamente diverse. Se stai zitto, perdi i clienti. Se non riesci a comunicare in parole idee complesse, perdi clienti. Se il tuo umore migliore e più brillante suona ancora un po 'irritabile, perdi clienti.

Ovviamente, c'è una tendenza qui. Se non sei il miglior comunicatore, il freelance potrebbe essere una strada accidentata.

6. Come ti senti circa una settimana lavorativa di 40 ore?

Uno dei maggiori vantaggi che ho visto in un "vero lavoro" è il fatto che spesso è possibile godersi una settimana di lavoro abbastanza normale. I progettisti sono sicuramente inclini a bruciare l'olio di mezzanotte, quindi ci sono molti di voi FTE che spazzano via i vostri 40 a settimana ma per la maggior parte, si applica un programma standard.

Questo è ovviamente un grande vantaggio. Puoi davvero pianificare la tua vita, portare tua moglie a cena la sera, fare gite in famiglia nei fine settimana; grandi cose! Come libero professionista, penseresti di avere tutta questa libertà e altro ancora. Lavorare da casa significa che puoi probabilmente lavorare da qualsiasi luogo, quindi le vacanze improvvisate sono del tutto possibili.

Il problema è che lavorare da casa "significa che puoi lavorare da qualsiasi luogo". In qualsiasi momento, in qualsiasi luogo, è tutto un potenziale ambiente di lavoro. Non illuderti nel pensare che avrai queste ore fantastiche. Invia un'email a alcuni designer freelance a mezzanotte e vedi se ricevi una risposta rapida. Lo farai spesso, perché sono ancora ai loro banchi!

Adoro la libertà di cui godo come libero professionista. Ma non posso fare a meno di lavorare nei fine settimana e anche quando viaggio in Missouri per visitare la mia famiglia per Natale. Spesso non posso fare a meno di pensare a quanto sarebbe bello trascorrere un determinato numero di ore settimanali e godersi il tempo che trascorro al di fuori del lavoro.

Questa è una delle domande più importanti nell'elenco se hai una famiglia. Dovresti assolutamente sederti con il tuo coniuge e decidere quale scenario funzionerà meglio per la tua situazione. Lavorare ore strane inevitabilmente interferisce con gli altri ruoli che ci si aspetta che ricopri nella vita e se non sei un giocoliere fantastico, un impiego a tempo pieno costante potrebbe essere una scommessa molto più sicura.

7. Hai confrontato tutte le variabili di compensazione?

L'anno scorso ho intrapreso il mio viaggio personale per decidere tra diventare un ETP e rimanere un libero professionista. Mi sono reso immediatamente conto che sembrava che il mio set di abilità valesse molto meno nel mondo a tempo pieno rispetto al mondo freelance.

Tuttavia, come libero professionista da solo non ho accesso a un piano assicurativo di gruppo, non esiste una "vacanza pagata", l'idea di una giornata di malattia è ridicola e la mia aliquota fiscale è significativamente più alta. Inoltre, devo fornire la mia attrezzatura e, come sapete, Apple e Adobe non lo rendono esattamente semplice.

Una volta ho preso in considerazione tutte le spese extra e le ho confrontate con i benefici di un "vero lavoro", quel cubicolo ha iniziato a sembrare sempre meglio.

8. Sei finanziariamente stabile?

Questo è semplice da capire per chiunque abbia l'opportunità di tuffarsi nel freelance. La prima cosa a cui probabilmente pensi è il rischio coinvolto e se puoi gestirlo o meno.

Il design freelance è un business "festa e carestia". Potresti legittimamente cadere in faccia e non guadagnare un centesimo da solo. In alternativa, potresti avere un cliente straordinario che paga le tue bollette per anni solo per ridurre drasticamente il carico di lavoro in un anno economico difficile, lasciandoti a cercare denaro extra. Ovviamente, lo scenario migliore è avere un flusso diversificato e costante di clienti, ma questo non è certamente un obiettivo facile da raggiungere.

Se stai pensando di lasciare il tuo lavoro per diventare un libero professionista, assicurati di avere un bel mucchio di risparmi che non ti dispiacerebbe vivere se le cose andassero a sud. Non vuoi finire alla porta dei tuoi genitori a chiedere soldi.

9. Hai un piano di backup?

Questo si collega direttamente alla domanda precedente. L'idea di base è pianificare un fallimento. Non aspettarti, abbi fiducia in te stesso e non sottovalutare il tuo valore, ma non essere abbastanza stupido da spingere tutte le tue chips in una scommessa.

Questo vale sia per il passaggio a tempo pieno al freelance sia per il libero professionista che passa al 9-5. Renditi conto che con i cambiamenti derivano incertezze e che semplicemente pensare pensieri felici ed evitare una contingenza non farà un po 'di bene se tutto cade a pezzi.

Il mio miglior consiglio qui è di non bruciare ponti quando lasci ovunque tu sia. Assicurati che il tuo vecchio capo o i tuoi vecchi clienti ti mancheranno quando non ci sarai più. L'abbandono di un lavoro è percepito in modo molto diverso rispetto al passaggio a maggiori opportunità. Se si percepisce che stai facendo quest'ultimo, potresti essere in grado di tornare indietro se il tuo piano fallisce!

10. Quali sono i tuoi obiettivi di carriera?

La mia ultima domanda è la più vitale dal punto di vista personale. Dimentica ciò che le persone si aspettano da te e quanti soldi farai e non farai. Chiediti semplicemente cosa vuoi dalla tua carriera.

Sono fermamente convinto della favola di amare ciò che fai per vivere. Ci credo perché ho amato tutti i lavori che ho mai ricoperto per un periodo di tempo sostanziale. Dopo un breve periodo come cuoco di hamburger di McDonald's, mi sono reso conto che lavorare un lavoro che odi non è semplicemente un modo per passare la vita. A breve termine, è spesso necessario pagare le bollette, ma spetta a voi assicurarsi che a breve termine non si trasformi in a lungo termine.

A volte ti ritrovi seduto a una scrivania che qualcun altro possiede in un edificio che qualcun altro possiede, guardando lungo un lungo sentiero che porta a un futuro di te di proprietà di qualcun altro. Al contrario, a volte ti ritrovi seduto alla tua scrivania nella tua casa, rendendoti conto che tra vent'anni sarai nello stesso posto, facendo esattamente la stessa cosa.

Entrambe queste realizzazioni possono essere spaventose. Assicurati di prenderti il ​​tempo per rallentare e decidere cosa vuoi fuori dalla vita e quale percorso è più probabile che ti porti lì. Se sogni uffici d'angolo, cene fantasiose e ti senti importante, forse è il momento di smettere di freelance per perseguire una posizione di art director di alto livello. Se sogni di essere il tuo capo, lavorare quando e come vuoi e avere la libertà di portare i bambini a Disneyland in estate senza chiedere a una persona per qualche giorno di riposo, forse è il momento di rinunciare al concerto aziendale e con audacia intraprendi il tuo viaggio da freelance.

Conclusione

Tieni presente che queste due categorie non si escludono a vicenda, infatti puoi dividere il tuo tempo tra un lavoro stabile e un lavoro freelance. In effetti, questa potrebbe essere la migliore strategia possibile!

Il punto di questa lunga discussione è stato semplicemente quello di farti pensare a dove prospererai nella tua carriera. A volte guardiamo con desiderio dall'altra parte della recinzione, così sicuri che l'erba sia più verde, solo per saltare la recinzione e trovare una terra più sterile della nostra posizione originale. Sia il libero professionista che l'occupazione a tempo pieno hanno i loro alti e bassi. Assicurati di esserne a conoscenza prima di decidere quale pensi sia meglio per te.

Lascia un commento qui sotto e facci sapere se sei un libero professionista o un ETP insieme alla tua opinione su quale sia la migliore per te!

© Copyright 2021 | computer06.com