Dilemma del design: comunicare il design ai non creativi

Omar G. scrive: Il mio capo è impossibile da leggere e mi sento come se dovessi essere un lettore di mente per elaborare un design che gli piace. Mi incolpa per non essere riuscito a compiacerlo e mi sento male ogni volta che ricevo un nuovo progetto da lui. Dovrei solo cercare un nuovo lavoro? Mi piacciono i miei colleghi e la compagnia ma il mio capo è pazzo!

Omar, questo è un problema molto comune ma uno dei più facili da risolvere. Permettetemi di raccontare una storia su una delle mie esperienze quindi, dopo essermi sentita un po 'male per i ricordi di quanto possa essere tesa questa situazione, potrò spiegare come compiacere il vostro capo!

L'orrore

Mi è stato assegnato un progetto dal presidente di una società in cui ho lavorato. Era conosciuta per essere difficile e vendicativa e giuro che sono quasi svenuta quando la sua segretaria mi ha chiamato nell'ufficio del presidente. Il compito era semplice: inventare nuovi articoli di cartoleria per l'azienda che avrebbe rinominato tutto. Ha detto: "Voglio qualcosa di sofisticato!"

Ho cercato sofisticato nel dizionario e ho iniziato progettando tre scelte per lei. Quando l'ho mostrato al presidente, era un po 'arrabbiata. "Ho detto che voglio qualcosa di sofisticato!" rimproverò.

"Non riusciva proprio a comunicare l'immagine che voleva usando le parole giuste!"

Ne ho progettati altri tre, tutti aziendali con un tocco di moda europea. Quando le ho mostrato a lei, è diventata più arrabbiata e ha chiesto di sapere perché non potevo ottenere qualcosa di "sofisticato".

Ho provato ancora e ancora senza fortuna. Dopo il dodicesimo tentativo di design, mi sono guardato intorno nel suo ufficio, che era decorato con kitsch, giocattoli e mobili retrò degli anni '70. La parola "sofisticato" improvvisamente ha assunto un significato diverso per me. "Mi mostreresti un esempio di alcuni progetti sofisticati che ti ispirano?" Le ho chiesto.

Tirò fuori una carta intestata che aveva ricevuto e me la spinse, probabilmente cercando di tagliarmi la carta. L'ho guardato e ho detto: "Oh, vuoi qualcosa di stravagante!"

Il prossimo design lo ha colpito alla testa. Non era che non potessi progettare un "sofisticato" - semplicemente non riusciva a comunicare la grafica che voleva usando le parole giuste e non era contenta di averla messa in imbarazzo dimostrando che era una deficiente analfabeta. Perché non poteva scegliere le parole giuste? Perché i non creativi non possono mettere nella loro mente un elemento visivo con il giusto descrittore. Non sono idioti, intendiamoci, non riescono a comunicare uno sguardo con le parole. Allo stesso modo, non capiscono i creativi che descrivono una direzione del design e si mettono in testa l'immagine.

Se parlassi con un altro designer e dicessi "sofisticato", è probabile che l'altro designer immaginerebbe lo stesso aspetto, la stessa sensazione e persino i caratteri che creerebbero un design "sofisticato". I non creativi non immaginano le cose nella loro testa come facciamo noi.

Ho avuto un grande successo nella mia recensione di fine anno per non essere riuscito a finire il progetto in meno di dodici progetti, il che non era giusto, ma ho imparato una lezione preziosa che mi ha aiutato per tutta la mia carriera. Il design è raramente corretto e sebbene soggettivo, il designer dovrebbe essere un lettore di mente.

Come evitare il gioco degli indovinelli?

La soluzione, quando si avvia un progetto con un capo o un cliente e si discute della strategia di progettazione o si scrive un brief creativo, impara a leggere la loro mente o chiedere quali progetti li ispirano.

"La sfida progettuale per te è quella di prendere l'ispirazione e renderla tua mantenendo la sensazione che il capo / cliente desidera per la propria attività."

Saranno più che felici di mostrarti esempi di cose che gli piacciono. Li fa sentire come se fossero una parte importante del processo di progettazione e renderà il tuo lavoro molto più semplice.

Ora, potresti dire che non vuoi copiare il design di qualcun altro. Bene, non lo farai. La sfida progettuale per te è quella di prendere l'ispirazione e renderla tua mantenendo la sensazione che il capo / cliente desidera per la propria attività. Se a loro piace il design retrò, allora dai loro stile retrò ma rendilo tuo. Se lo modificano troppo e si appoggia maggiormente ai disegni che ti hanno mostrato, beh, non metterlo nel tuo portafoglio. Il design è un settore dei servizi e, a volte, dobbiamo alzare le spalle, fare il lavoro e andare avanti, ma se gestito correttamente, il cliente dovrebbe essere soddisfatto se si ottiene il layout, la sensazione e i colori dei propri desideri.

Quando devi leggere le menti

A volte la risposta alla tua domanda su cosa piace al capo / cliente nel design riceverà risposta con il temuto: "So cosa mi piace quando lo vedo!"

Hai due scelte: Corri come un matto o guarda nel loro ufficio arte, decorazioni e oggetti da scrivania / scaffale e prendi il loro stile personale. È ancora uno scatto nel buio, ma è un forte punto di partenza e ti avvicina di più a provare qualcosa dalla tua mente, che è il tuo stile personale.

Il passo logico è mostrargli qualche ispirazione che raccogli, piuttosto che passare giorni a progettare al buio. Alcuni si riferiscono a questo come alla creazione di "schede di stile". Non devi coinvolgerlo. Basta stampare alcune pagine che ritieni risolvano la soluzione di progettazione e parlarne con il maniaco per il quale stai lavorando.

In conclusione

Sì, il design è soggettivo e come designer competente, dai al capo / cliente ciò di cui hanno bisogno, più di quello che vogliono, ma non si tratta solo di ciò che è giusto. A volte si tratta di compiacere la persona con i soldi e andarsene contenti che pagherai alcune bollette e vivrai per progettare di nuovo, speriamo qualcosa che ami, che ravvivi il tuo portafoglio.

Inviaci il tuo dilemma!

Hai un dilemma del design? Speider Schneider risponderà personalmente alle tue domande - invia il tuo dilemma a [e-mail protetto]!

Speider ha creato progetti per Disney / Pixar, Warner Bros., Harley-Davidson e Viacom tra le altre importanti aziende ed è un ex membro del consiglio di amministrazione della Graphic Artists Guild e copresidente del GAG Professional Practices Committee. Scrive per blog globali sull'etica del design e le pratiche commerciali e ha contribuito a numerosi libri sull'argomento business per i designer.

Immagine © GL Stock Images

© Copyright 2022 | computer06.com