Come criticare il tuo lavoro come designer freelance

Lavorare da soli può comportare molti vantaggi, ma ci sono alcune cose che sembrano sempre più facili quando ci si trova in un ambiente di gruppo più strutturato. Una di queste cose è raccogliere feedback per il tuo lavoro.

Con la pratica, puoi imparare a fare un passo indietro e fornire una buona valutazione dei tuoi progetti di design. Ci vorrà un po 'di pratica per familiarizzare con l'idea, ma molti liberi professionisti sono abbastanza bravi a valutare il proprio lavoro. Se non ti senti bene, questa guida può aiutarti ad imparare a criticare meglio il tuo lavoro come designer freelance.

Esplora risorse di progettazione

Nello spirito delle critiche, tutti gli esempi in questo post provengono dalla galleria Design Shack. La galleria ospita oltre 15.000 membri e puoi inviare progetti e trarre ispirazione da colleghi designer.

Valuta il concetto

Un buon design risponde alle domande. Spesso risponde prima che gli utenti abbiano la possibilità di chiedere loro.

Un design solido fa proprio questo. Risponde alle domande presentate da un concetto. Quando si valuta un progetto, tornare al brief di progettazione o alla richiesta. Cosa avrebbe dovuto fare il progetto finale? Quali erano gli obiettivi del design?

Il design ha soddisfatto questi requisiti con una comunicazione chiara che rappresentava il marchio (o il cliente) in modo appropriato? Se la risposta è sì, sei sulla strada giusta. Anche se non sei venduto al 100% sull'estetica, un cliente felice è un segno di un lavoro ben fatto.

Considera le tendenze e le tecniche

Quando guardi una raccolta di progetti recenti, vedi molti elementi e tecniche di tendenza come elementi piatti o principi di progettazione dei materiali o animazione? È importante per te capire cosa è di tendenza con il design e mescolare queste tecniche in progetti.

C'è un problema quando si tratta di tendenze. Troppo o troppo poco può causare problemi per te e il punto debole è da qualche parte nel mezzo. L'uso di elementi di tendenza è un buon equilibrio che può aggiungere un tocco moderno a un progetto senza farlo sembrare datato rapidamente.

I clienti vogliono che tu sia in grado di utilizzare anche nuove tecniche e stili. Indicheranno spesso un altro progetto e un elemento che li affascina. Devi essere al corrente del concetto e capire come potrebbe essere applicabile (o perché non lo è).

Fai un passo indietro e guarda di nuovo il design

Una delle sfide dell'autocritica è che sei troppo vicino al progetto per vederlo come un utente. Allontanati per un po 'e torna con un nuovo sguardo.

Quando torni al design, inizia con due esercizi:

  • Fai un passo indietro e guarda il design da una distanza fisica. A che punto viene messo a fuoco il design? È abbastanza presto? (Un cartellone o un poster dovrebbe essere messo a fuoco da una distanza molto maggiore di un'app per telefono.)
  • Interagisci con esso come un utente. Come interagiresti con il design se non lo avessi mai visto prima? Quali pulsanti o elementi faresti clic online? Ora pensa a quelle interazioni e considera se funzionano nel modo che intendi.

Pensaci in bianco e nero

Guarda il design da una prospettiva diversa. Capovolgi o capovolgi o cambia i colori o i caratteri. Aspetta cosa?

Uno dei migliori consigli che io abbia mai ricevuto da giovane designer è stato "se un design funziona in bianco e nero, funzionerà a colori". Quindi spoglia il disegno fino ai contorni in bianco e nero. Funziona ancora? Riesci a vedere la cornice di qualcosa che avrà un fascino?

Puoi testarlo anche capovolto. Anche quando presentato a testa in giù, il design dovrebbe avere qualcosa che ti attira ad esso. La leggibilità potrebbe andare persa, ma esisterà una spinta concettuale.

Se un design funziona esattamente in un solo modo senza alternative, potresti avere un problema. Considera diversi usi e prospettive per ottenere il massimo da ciò che un design può essere.

Confronta il tuo design con la teoria

Ricordi tutta quella teoria del design nascosta nella parte posteriore del tuo cervello? È ora di tirarlo fuori di nuovo. Mentre stai probabilmente usando i concetti continuamente - senza pensarci davvero - fermati e pensa ad alcuni di essi e al modo in cui si collegano al tuo progetto.

Scegli l'intero design e pensa a questi elementi e al modo in cui il tuo progetto finale si collega alla scienza del design.

  • Colore e contrasto
  • Spazio
  • Tipografia
  • Prossimità
  • Ripetizione
  • Equilibrio
  • Allineamento
  • enfasi
  • Principi matematicamente radicati come il rapporto aureo

Domande da porsi

Puoi ridurre la tua autocritica in sole cinque domande sul design. Questo è un buon punto di partenza (e fine) quando si valuta il proprio lavoro.

  1. La progettazione funziona nell'ambito del progetto? Se ami davvero l'estetica o meno, devi considerare se il progetto ha raggiunto gli obiettivi del cliente e se era quello che stavano cercando.
  2. Il design è utilizzabile? Che tu stia lavorando con progetti di stampa o digitali, ogni progetto dovrebbe essere facile da comprendere. Questo include tutto, dalla leggibilità agli elementi fruibili all'interfaccia utente.
  3. Mi piace questo concetto a colpo d'occhio? Quando guardi rapidamente il design, dovrebbe piacerti.
  4. Il design è alla moda? La risposta qui può andare in entrambi i modi. Se è troppo alla moda, il design potrebbe non reggere nel tempo; se non stai incorporando tendenze, il tuo stile potrebbe essere datato e potrebbe essere il momento di un aggiornamento.
  5. Cosa dice il design? Questa potrebbe essere la domanda più difficile a cui rispondere, ma dovrebbe essere responsabile. Ogni progetto dovrebbe comunicare un messaggio o un'idea con uno scopo. Nella maggior parte dei casi, ciò dovrebbe essere evidentemente chiaro senza molto lavoro da parte dell'utente. Quando rispondi a questa domanda, fai un passo indietro rispetto al progetto e guardalo come se non sapessi nulla delle informazioni presentate. Il design dice ancora la stessa cosa?

Conclusione

Ora hai uno strumento in più nel tuo kit per aiutarti a diventare un libero professionista migliore. E anche se non sei un libero professionista, questi concetti possono aiutare chiunque a valutare meglio il proprio lavoro. È un'abilità difficile, ma che può davvero tornare utile.

Freelancing 101 è una serie occasionale per aiutare il crescente numero di liberi professionisti sul mercato. Che tu sia un designer, uno scrittore, uno sviluppatore o che indossi più cappelli, condivideremo suggerimenti, risorse e idee per aiutarti a sfruttare al meglio la tua piccola impresa. C'è qualcosa in particolare che vuoi sapere? Fammi sapere a [e-mail protetto].

© Copyright 2022 | computer06.com