Come iniziare il tuo blog tecnico

Solveyourtech.com è un blog tecnologico in esecuzione sul sistema di gestione dei contenuti di WordPress. È stato creato nel 2011 come risorsa personale per aiutarmi nel mio lavoro quotidiano, che è il supporto IT. Sono stato uno scrittore di tecnologia freelance per quasi dieci anni e ho fatto il supporto freelance per più tempo.

Ho iniziato questo blog tecnico come una risorsa per me stesso in cui poter creare articoli a cui fare riferimento in seguito o su cui poter indirizzare clienti, colleghi o clienti quando li aiutavo a risolvere un problema. Nel tempo si è integrato in una raccolta piuttosto ampia di articoli su una serie di diversi programmi elettronici di consumo e programmi desktop e ha iniziato a posizionarsi bene nei motori di ricerca per alcuni termini di ricerca.

Negli anni in cui solveyourtech.com è stato online, ho fatto alcune cattive scelte ed errori, ma ho anche fatto alcune buone scelte che hanno permesso a questo blog di continuare a crescere ogni anno.

Avviare il tuo blog tecnico è più facile di quanto pensi, anche se non hai molta esperienza nella costruzione o progettazione di siti Web. Le prime versioni di questo sito sono state un po 'imbarazzanti, a posteriori, ma ho imparato cosa era e non funzionava, che condividerò nell'articolo di seguito.

Panoramica

Questa guida fornirà una panoramica delle caratteristiche di cui avrai bisogno per avere successo nella gestione del tuo blog tecnico, oltre a aiutarti a gettare le basi per il tuo sito. Ciò comporterà l'acquisto di un nome di dominio, l'impostazione dell'hosting Web e l'installazione di WordPress.

Parlerò anche di alcune delle informazioni che ho appreso, come i tipi di articoli che possono aiutarti a migliorare il tuo traffico quando inizi, così come un'idea generale di cosa aspettarti quando inizi il tuo viaggio nel blog di tecnologia.

Caratteristiche Avrai bisogno di iniziare il tuo blog tecnico

Solveyourtech.com è in circolazione dal 2011 e ha vissuto molti alti e bassi in quel periodo. Attualmente questo sito ottiene una discreta quantità di traffico dei motori di ricerca e guadagna abbastanza dalle pubblicità su quelle visualizzazioni di pagina per essere autosufficiente, consentendo anche un profitto minore.

Ma il tuo nuovo blog tecnico non avrà successo dall'oggi al domani (almeno, nel 99, 9% dei casi) e ci vorrà un po 'di dedizione e duro lavoro prima di iniziare a vedere i risultati. Ecco perché ci sono alcune caratteristiche che sono vitali per qualsiasi aspirante blogger tecnologico.

1. Devi amare scrivere di tecnologia

Potrebbe sembrare un cliché, ma è ciò che ti farà andare avanti. I primi due mesi potrebbero vedere solo alcune visualizzazioni di pagina e la mancanza di risposta può essere un po 'deprimente. Questo è il punto in cui gran parte della concorrenza verrà eliminata .

Le persone spesso si rivolgono al blog come uno schema rapido per arricchirsi, ma non lo è. Ci sono molte persone che scrivono online e la barriera all'ingresso sta diventando sempre più piccola man mano che diventa più facile avviare il tuo sito web. L'acquisto del dominio del tuo sito Web e la creazione di un account di hosting costano solo pochi dollari e puoi installare WordPress senza aver bisogno di conoscere un po 'di HTML o CSS.

Quindi, se riesci a continuare a superare i momenti difficili, in cui sembra che tu stia scrivendo solo per te stesso, allora questo ti farà apprezzare ancora di più quando inizi ad attirare un pubblico. Spero che a quel punto avrai sviluppato un solido corpus di lavori su dispositivi, applicazioni o rami della tecnologia di cui sei appassionato. Google inizierà a riconoscere il tuo sito nei risultati di ricerca e altri blogger e siti Web inizieranno a collegarti a te in quanto autorità che sei diventato.

2. Devi essere in grado di evolvere con la tecnologia

Nuovi iPhone escono ogni anno, le app vengono aggiornate e i programmi ottengono nuove versioni. Potresti essere la persona più esperta al mondo sull'attuale versione del tuo programma preferito, solo per far uscire una nuova versione che invalida gran parte di ciò che hai imparato in precedenza.

Quindi qual è la soluzione? Impara tutto sulla nuova versione, ovviamente!

Molti dei contenuti di questo sito Web riguardano iPhone e iOS, ma esiste un limite alla quantità di informazioni che è possibile creare intorno a una versione di iOS. Verso la fine del ciclo di vita di una versione iOS può essere davvero difficile trovare qualcosa di cui scrivere.

Ma poi esce la nuova versione e cambia molti menu e funzioni principali, dandomi qualcosa di cui scrivere. Certo, gli articoli di cui ho scritto per la versione precedente potrebbero perdere alcune visualizzazioni di pagina poiché non sono più così rilevanti, ma ho un intero nuovo elenco di articoli da scrivere. È importante essere in grado di abbracciare il modo in cui la tecnologia cambia e usarlo come catalizzatore che ti consente di scrivere di più e offrire di più al tuo pubblico.

3. Devi avere accesso alle cose di cui scrivi

Ho letto molte guide pratiche e articoli per la risoluzione dei problemi scritti chiaramente da qualcuno che non aveva mai utilizzato il programma o il dispositivo su cui era stato scritto l'articolo. È frustrante come lettore e sono sicuro che è frustrante anche come scrittore.

Non solo è difficile scrivere su qualcosa a cui non puoi fare riferimento, ma è difficile scrivere su qualcosa se non ne sai nulla.

Uso un sacco di schermate su questo sito e le creo tutte da solo. Fortunatamente il mio lavoro quotidiano mi mette in una situazione in cui ho accesso a una serie di dispositivi e programmi diversi e li uso per scrivere i miei articoli.

Qualunque cosa tu stia pianificando di scrivere nel tuo blog tecnico, dovrebbe essere qualcosa con cui hai familiarità o qualcosa con cui puoi familiarizzare. Ci sono già molte informazioni su Internet su quasi ogni argomento, quindi è necessario distinguersi da tutto il resto offrendo le migliori (o una delle migliori) opzioni.

4. Devi essere in grado di scrivere in modo che le persone capiscano cosa intendi

Non tutti i blog tecnici saranno uguali, o avranno lo stesso argomento o lo stesso pubblico. Alla fine troverai la tua "voce" e vedrai a quale tipo di scrittura le persone rispondono. Ma una cosa che rimarrà coerente è che il tuo pubblico deve sapere cosa stai dicendo. Non sono un grande scrittore, ma ora sono migliore di quando sono stato. Ho anche scelto di scrivere articoli pratici, che sono più brevi e in genere non mi richiedono di scrivere al di fuori della mia zona di comfort. In realtà, questo è facilmente l'articolo più lungo di questo sito.

Il mio approccio è sempre stato quello di sbagliare dal lato della cautela. Tutti sanno che è necessario che Microsoft Excel sia aperto per eliminare il contenuto di una cella? Forse lo fanno. Ma la cosa peggiore che succede quando includi "Passaggio 1: Apri Microsoft Excel" è che qualcuno ci salta sopra o ridacchia della sua semplicità. Ma forse ci sono alcune persone che non se ne sono rese conto e tu le hai appena aiutate.

5. Devi essere flessibile e disposto a correre rischi

L'eventuale design, layout e navigazione del tuo blog tecnico sarà diverso rispetto a quando lo configuri per la prima volta. A meno che non costruiate siti Web da anni e non sappiate già esattamente quali saranno i contenuti, il tema e la direzione del vostro sito, è improbabile che lo otterrete al primo tentativo. Questo è prevedibile.

Ma se scopri che è difficile trovare qualcosa sul tuo sito o pensi che qualcosa sembri strano su un dispositivo mobile o un tablet, anche altre persone lo penseranno. Lavorerai, leggerai e in generale penserai al tuo blog tecnico più di chiunque altro al mondo. Se pensi che qualcosa sia sbagliato o debba essere cambiato, allora fallo. Sperimenta con diversi tipi di contenuti e non aver paura di diventare veramente specifico con i tuoi argomenti. Alcuni degli articoli su questo sito che ottengono più traffico sono focalizzati su argomenti che non avrei mai immaginato avessero un pubblico così grande.

6. Pazienza

Possedere e mantenere un sito Web richiede molta pazienza. Google non indicizzerà immediatamente tutti i tuoi nuovi contenuti, le persone non arriveranno al tuo sito dall'oggi al domani e opportunità redditizie non ti cadranno in grembo nel momento in cui il tuo dominio diventa attivo.

Alcuni cambiamenti possono richiedere settimane prima di vedere alcun effetto. Potresti vedere che un articolo che hai scritto è classificato per un termine di ricerca specifico, ma che potresti apportare miglioramenti a quel contenuto che potrebbe renderlo più pertinente. Ma i motori di ricerca potrebbero non eseguire nuovamente la scansione di quella pagina per alcune settimane e potrebbero essere necessarie alcune settimane dopo che la posizione dell'articolo nei risultati di ricerca mostri alcun movimento.

OK - Sei pronto per iniziare. Di cosa hai bisogno adesso?

Se sei determinato ad aprire il tuo blog tecnico e hai un'idea per un argomento, allora devi creare il tuo sito Web. Nel caso in cui non si abbia familiarità con ciò che accade nell'hosting di un sito Web, utilizzeremo un'analogia che confronta un sito Web con una casa.

Il tuo sito Web sarà composto da tre parti di base:

  1. Un nome di dominio (l'indirizzo di casa tua)
  2. Un host Web (la base di casa tua)
  3. Un sistema di gestione dei contenuti (la tua casa)

Il nome di dominio (il tuo indirizzo)

Uno dei modi migliori per pensare al tuo sito Web è confrontandolo con una casa. Il nome di dominio per questo sito è solveyourtech.com. Puoi pensarlo come il tuo indirizzo. Se qualcuno vuole inviarti una lettera, allora deve includere il tuo indirizzo in modo che la lettera arrivi a te.

Ma un indirizzo è solo una posizione. Un campo in erba vuoto può avere un indirizzo, proprio come puoi possedere un nome di dominio senza un sito web. Una volta scelto l'indirizzo dove vuoi costruire la tua casa, allora è il momento di gettare le basi.

Un host Web (la base di casa tua)

Prima di poter iniziare a costruire la tua casa, è necessario disporre di un sistema di supporto che sarà sempre il framework su cui esiste. Questo è il tuo provider di hosting. Stai per mettere tutti i file e i contenuti del tuo sito Web sui server del tuo host Web. Se i server del tuo provider di hosting diminuiscono, anche il tuo sito Web diminuisce. Fortunatamente, però, è molto più facile riportare online un server che ricostruire le fondamenta di una casa.

Un buon host Web sarà affidabile, fornirà un sito Web veloce e assicurerà che il contenuto del tuo sito Web raggiunga il maggior numero di persone, nel modo più semplice possibile. Idealmente, non ci penserai mai affatto.

Un sistema di gestione dei contenuti (la tua casa)

Il pezzo finale di questa analogia è il sito web stesso. Come una casa, questo sarà ciò che tutti i tuoi visitatori vedranno e sperimenteranno. Per la maggior parte dei webmaster, l'aspetto del tuo sito sarà dettato dal tuo sistema di gestione dei contenuti, che è dove puoi regolare le impostazioni del sito, scrivere e modificare i tuoi contenuti e in generale gestire il sito.

Esistono molti sistemi di gestione dei contenuti tra cui scegliere, molti dei quali gratuiti. Ma quello più popolare (di gran lunga) si chiama WordPress.

WordPress stesso è gratuito e richiede un "tema" che controlla l'aspetto generale del sito. Ciò include elementi come caratteri, colori, navigazione generale e layout. Puoi sicuramente modificare una (o tutte) queste impostazioni all'interno di un tema, se lo desideri.

Si noti che ciò che si desidera, se si desidera possedere e gestire il proprio sito Web, è l'opzione self-hosted o WordPress.org. C'è anche un WordPress.com, che è la stessa azienda. La differenza è un po 'confusa all'inizio, ma quasi tutto ciò che è bello, unico o interessante che vorresti fare sul tuo sito verrà fatto su WordPress ospitato da solo. È meglio iniziare con quello piuttosto che preoccuparsi di cambiare in seguito.

Spese che puoi aspettarti quando inizi il tuo blog tecnico

I nomi di dominio e gli account di web hosting non sono gratuiti, ma sono piuttosto economici. Di solito puoi ottenere un nome di dominio gratuitamente quando ti iscrivi a un piano di hosting o per meno di $ 10. L'hosting Web di solito è disponibile per meno di $ 10 al mese e può essere notevolmente più economico di quello se si paga per un intero anno in anticipo.

Ma, supponendo che tu voglia avere i costi di avvio più bassi possibili, puoi aspettarti che le tue spese siano qualcosa del genere:

  • Nome dominio $ 5 - 10 $
  • Web hosting $ 10 - $ 15 al mese

Quindi, se hai tra $ 15 e $ 25 dollari, puoi acquistare un nome di dominio, acquistare un account di hosting e avviare il tuo sito Web in circa 20 minuti dal termine di questa frase.

Visita subito Hostgator e cerca un nome di dominio per il tuo nuovo blog tecnologico. (questo link si apre in una nuova scheda, in modo da poterlo visitare senza perdere il posto nell'articolo.)

Spese aggiuntive di cui potresti eventualmente avere bisogno mentre il tuo sito sta crescendo

Se il tuo sito Web sta diventando popolare e hai alcuni visitatori, potresti scoprire che il piano di hosting Web entry-level sta lottando per tenere il passo con le esigenze del tuo sito. Spero che anche tu stia iniziando a vedere delle entrate a questo punto, sia attraverso la pubblicità (come Google AdSense) o attraverso le commissioni di affiliazione (come Amazon Associates.)

Puoi risolvere questo problema riducendo il carico sul tuo server o aggiornando le specifiche del tuo server.

È possibile ridurre il carico del server con l'aiuto di una CDN. Alcuni CDN popolari includono Cloudflare e MaxCDN. Cloudflare ha un piano gratuito, che è una delle cose più grandi a disposizione degli aspiranti webmaster. Hanno anche un piano Pro, che è di $ 20 al momento della stesura di questo documento.

Il piano per principianti di MaxCDN è di $ 39, 95 all'anno, per 1 TB di larghezza di banda. A meno che il tuo sito non ottenga più di 500.000 visualizzazioni al mese o non abbia file di grandi dimensioni, non dovresti avere problemi a rimanere al di sotto di questo limite di larghezza di banda.

Mentre ci sono molti fantastici temi e plugin gratuiti, alcuni dei migliori e più utili costano denaro. Ad esempio, questo sito Web utilizza il framework Genesis e il tema delle undici e quaranta. Entrambi sono realizzati da Studiopress, una società ampiamente riconosciuta come uno dei migliori disegnatori di temi in circolazione.

La nostra raccomandazione per iniziare con il tuo blog tecnico

Abbiamo scritto molti altri articoli su questo sito esaltando le virtù di Hostgator come opzione ideale per i nuovi webmaster. Sono facili da lavorare, i loro server sono veloci, hanno un supporto clienti accessibile e i loro servizi sono economici. Questo è quello con cui ho iniziato, e di solito è con chi vado ogni volta che inizio un nuovo progetto.

Visualizza i piani di Hostgator qui

  1. Cerca i domini disponibili fino a quando non ne trovi uno che ti piace.
  2. Acquista quel dominio.
  3. Crea un account di hosting.
  4. Punta i server dei nomi del tuo dominio sul tuo account di hosting.
  5. Installa WordPress sul tuo account di hosting.
  6. Installa un nuovo tema e modifica le impostazioni di WordPress.
  7. Inizia a scrivere contenuti.

Inizia oggi

Errori che ho fatto

Ogni mossa che fai con il tuo sito Web non sarà corretta. Ma devi provare nuove cose e correre nuovi rischi se vuoi crescere. Di seguito sono riportati solo alcuni degli errori che ho commesso.

  • Non aggiornare il mio account di hosting abbastanza velocemente
  • Non riesco a controllare abbastanza le analisi del mio sito
  • Non abbracciare opportunità di networking
  • Non si concentra abbastanza sui social media
  • Essere troppo lenti per risolvere i problemi relativi all'esperienza utente
  • Non sto sperimentando abbastanza
  • Concentrarsi su parole chiave difficili

Anche se non sono ancora molto esperto con i social media, lo stato attuale dei miei account è migliore rispetto a qualche tempo fa. Ho anche ignorato la divulgazione di altri siti Web e scrittori che mi hanno contattato. Non fraintendetemi, però. La maggior parte degli invii dei moduli di contatto che ricevo sono spam. Come il 99% di loro. Ma ci sono alcune persone reali e ben intenzionate che possono confondersi nel mare di invii di spam. Sto un po 'più attento quando sto filtrando quelle osservazioni ora, e alcune cose buone sono venute dalle relazioni formate lì.

Un grosso problema che ho avuto quando ho iniziato è stato il tentativo di scrivere articoli che si classificassero bene per termini difficili. Se utilizzi alcuni strumenti per analizzare il volume di ricerca, potresti scoprire che alcuni termini ottengono milioni di ricerche al mese. Potresti vederlo e pensare che solo una parte di quelle ricerche potrebbe portare un sacco di soldi pubblicitari e avresti ragione.

Sfortunatamente le pagine dei risultati per questi termini sono in genere dominate da grandi siti Web che esistono da un po 'di tempo ed è molto difficile competere con loro. L'opzione migliore è cercare una parola chiave molto più specifica che abbia meno concorrenza. Quindi, invece di scrivere un articolo indirizzato alla parola chiave "widget blu", potresti voler scrivere qualcosa su "come riparare un widget blu se riscontri questo problema". Non solo hai maggiori probabilità di classificarti bene per quel termine, è anche un termine di ricerca più mirato che sarà probabilmente più vantaggioso per il ricercatore.

Cose da fare dopo aver configurato il tuo nuovo sito web

Questi sono alcuni dei servizi e degli account che alla fine vorrai avere, quindi è una buona idea configurarli in anticipo in modo da poterne trarre il massimo beneficio.

  • statistiche di Google
  • Google Search Console
  • cinguettio
  • Facebook
  • Altri account di social media (Pinterest, Instagram, ecc.)
  • MailChimp (o un altro provider di gestione della posta elettronica)
  • Google Suite (email per il tuo dominio)
  • Cloudflare
  • MaxCDN
  • Account WordPress.com (Jetpack è un plug-in davvero utile e per utilizzarlo è necessario un account WordPress.com)
  • Google AdSense (se hai annunci sul tuo sito)
  • Amazon Associates (se hai intenzione di utilizzare link di affiliazione per i prodotti Amazon)

Si noti che alcuni di questi non saranno immediatamente applicabili. Le approvazioni di Google AdSense e Amazon Associates richiedono spesso un sito Web consolidato. Non avrai bisogno di molto traffico, ma avrai bisogno di un sito funzionante con contenuti su di esso. Ci possono essere anche fattori geografici che entrano in gioco durante la creazione di questi account, in quanto sembra essere molto più facile ottenere l'approvazione se vieni dagli Stati Uniti.

Strumenti non relativi al sito Web che utilizzo

Uso molti altri programmi per organizzarmi e per aiutare a creare i contenuti di questo sito. Alcuni di questi programmi includono:

  • Trello
  • Google Keep
  • Una nota
  • Dropbox
  • Photoshop
  • Microsoft Office

Conclusione

Spero di averti fornito alcune informazioni aggiuntive se stai pensando di iniziare il tuo blog tecnico. So che può essere intimidatorio se non l'hai mai fatto prima, ma la cosa migliore da fare è semplicemente immergerti. Avrai l'opportunità di imparare mentre lo stai facendo ed è incredibilmente gratificante avere il tuo sito . Imparerai molto e molte delle competenze che acquisisci creando e gestendo il tuo sito potrebbero persino essere applicabili al tuo lavoro. Se questo è qualcosa che stai già prendendo in considerazione, ti consiglio vivamente di acquistare un nome di dominio e hosting e dargli una possibilità.

Inizia oggi

articoli Correlati

Leggi il nostro confronto tra Hostgator e Bluehost e scopri quale host fornirà un'esperienza più veloce per i tuoi visitatori.

Oppure leggi il nostro tutorial sulla configurazione di Hostgator qui

La nostra guida all'installazione di Bluehost è disponibile qui

© Copyright 2021 | computer06.com