Stabilire una gerarchia di obiettivi per tutto ciò che si progetta

Che cosa sopra ogni altra cosa rende un grande design? Dove dovrebbe trovarsi la tua attenzione? Ancora più importante, è possibile o addirittura desiderabile concentrarsi su un singolo obiettivo a spese di altri?

Oggi daremo uno sguardo al perché il design orientato agli obiettivi è un buon design e discuteremo di come essere designer significhi soppesare diversi fattori concorrenti. Discuteremo anche come decidere quali obiettivi sono i più importanti e come stabilire una gerarchia per ciascun progetto renderà l'esperienza migliore per il cliente, l'utente e il progettista.

Esplora risorse di progettazione

La formula magica

C'è un costante dibattito nella comunità del design su quale sia l'idea, il principio o la tattica principale per la creazione di "grandi" progetti. Cosa distingue il lavoro delle vere rockstar di design dal resto di noi? Tendiamo a desiderare una formula magica che dice: "Segui questi passaggi e avrai successo ogni volta".

Non possiedo una formula del genere, né credo che esista nemmeno. Tuttavia, sono un grande sostenitore del design "orientato agli obiettivi" e ne parlo abbastanza spesso. Penso che la differenza tra un buon design e un cattivo design sia che uno buono soddisfa i suoi obiettivi e uno cattivo no. Spesso un design "cattivo" è anche il risultato di non aver seguito obiettivi chiari in primo luogo.

Accettare questa premessa non ci porta ancora molto lontano. La nostra conversazione si è semplicemente spostata da ciò che rende un grande design a ciò che rende un grande obiettivo. Troppo spesso vedo questa discussione forzatamente ridotta a un unico principio. Su cosa dovrebbe concentrarsi un designer? Estetica o Usabilità? Il cliente o l'utente? Come se essere un designer significa semplicemente scegliere un obiettivo principale e attenersi ad esso.

Il design è come il golf

Questo problema è molto simile a quello di colpire una pallina da golf e farlo atterrare ovunque vicino a dove lo desideri (cosa che non sono in grado di fare). Se non hai mai giocato a golf o non sei mai stato in un campo pratica, allora sei abbastanza sicuro che c'è solo un compito primario: colpire la palla. Probabilmente penserai che il tuo obiettivo principale sia centrato su una cosa: la forza. Colpisci la palla più forte che puoi, così andrà il più lontano possibile.

Tuttavia, quando in realtà giochi a golf con un istruttore che ti dice come padroneggiare uno swing, vedi che è molto più complicato di quello! Devi stare nel modo giusto, tenere le braccia in modo da riportare indietro la mazza, evitare di torcere il corpo mentre abbassi la mazza, passare senza soluzione di continuità attraverso le varie parti dell'altalena, avere la giusta quantità di follow-up, continua all'infinito. Ciò che sembra dovrebbe essere un compito abbastanza semplice si trasforma in una serie estremamente complicata di istruzioni e obiettivi che potresti ottenere solo uno su cento volte.

Il design è allo stesso modo. Cercare di trovare quella cosa magica che farà funzionare tutto è sciocco come pensare che semplicemente oscillare il più duro si tradurrà in un bellissimo colpo dritto sul fairway. Invece, devi concentrarti su una miriade di obiettivi, assegnando vari gradi di priorità a ciascuno con il fine ultimo che è quello swing perfetto.

Non tutti gli obiettivi sono uguali

Sarebbe facile dire che devi considerare tutti gli obiettivi allo stesso modo per un design ben arrotondato, ma ammettiamolo, i progetti del mondo reale non ti offrono questo lusso.

L'antico aforisma del designer contiene spesso molta verità: “Buono, veloce o economico; prendine due." Questi obiettivi sono un po 'troppo semplificati, ma ciò comunica immediatamente che esiste effettivamente un limite agli obiettivi che possiamo raggiungere in un determinato sforzo.

Quindi, data una quantità limitata di tempo e risorse, come dobbiamo stabilire i nostri obiettivi e quali sono i più importanti? Il problema sembra prestarsi a una struttura gerarchica. Quando hai più obiettivi in ​​competizione per la tua attenzione, la semplice soluzione è elencarli in ordine di importanza. Prima di discutere quali obiettivi appartengono ai vertici della gerarchia, discutiamo quale tipo di obiettivi dovresti stabilire per un progetto.

Le parti interessate portano a obiettivi

La prima cosa che mi piace fare per stabilire alcuni obiettivi di livello base è pensare alle parti coinvolte e ai loro interessi. Ad esempio, un determinato progetto è spesso associato a un cliente che ovviamente ha già in mente un gruppo di obiettivi.

Obiettivi del cliente

Quel cliente ha varie esigenze e vuole tenerlo a mente. Il design deve spesso rappresentare con precisione l'azienda o il marchio, incoraggiare gli utenti ad agire, rispettare scadenze importanti e rispettare il budget stabilito.

Obiettivi dell'utente

L'utente finale (design interattivo) o il visualizzatore (deign statico) ha un'altra serie di obiettivi molto importanti. È qui che entrano in gioco usabilità e UX. L'utente vuole che tutto funzioni in modo fluido, che la linea di comunicazione sia chiara e che gli sforzi siano ridotti al minimo.

Obiettivi del designer

Sì, anche noi designer in genere abbiamo in mente obiettivi. Puoi negarlo, ma probabilmente stai mentendo. Meglio essere onesti e portare i propri obiettivi all'aperto in modo da poter decidere se valga la pena perseguire o meno. Questo può essere qualsiasi cosa, provando un nuovo stile di design che hai avuto il desiderio di tirar fuori o guadagnare qualche riconoscimento per lavorare con un cliente importante. I tuoi obiettivi devono davvero essere valutati alla luce delle due precedenti parti acquisite poiché possono spesso essere in conflitto.

Il conflitto definisce la gerarchia

Come indicato nella precedente dichiarazione, la chiave per stabilire la tua gerarchia è considerare chi vince in una discussione. In caso di conflitto, quale obiettivo verrà infine perseguito? Le probabilità sono, che ti piaccia o no, gli obiettivi del cliente si trovano in cima a questa gerarchia. Personalmente adoro sostenere l'utente come persona da attribuire per favore, ma alla fine sono stato assunto da qualcuno per fare quello che mi chiedono, quindi la mia preoccupazione principale è rispettare quell'accordo.

I progettisti criminali che detengono ciò che immaginano essere i bisogni dell'utente al di sopra di quelli delle persone che scrivono i controlli spesso si traducono in designer che strappano i loro clienti e guadagnano una cattiva reputazione.

Immagina di essere arrivato a un fast food e di aver ordinato a tuo figlio un cheeseburger Happy Meal. Poi arrivi alla finestra e il ragazzo dietro il bancone ha deciso che ai bambini piacciono le crocchette di pollo. Armato delle sue conoscenze superiori, ti dà invece delle pepite nel nome di avere a cuore gli interessi di tuo figlio. Probabilmente saresti irato, vero? Sono i tuoi soldi, il tuo bambino; se paghi per un cheeseburger, è meglio prenderne uno!

Naturalmente, i clienti ideali rendono gli obiettivi dell'utente in cima alla propria lista di obiettivi, il che rende le cose notevolmente più facili. Tuttavia, quando c'è un conflitto, ricorda la gerarchia.

Ogni progetto richiede una gerarchia unica

Ricorda che la gerarchia del cliente, dell'utente e del progettista sopra definisce solo categorie generali di obiettivi, non gli obiettivi stessi. Questo è semplicemente un dispositivo per aiutarti a pensare agli obiettivi per la progettazione e fornire informazioni su come ordinarli alla luce di altri obiettivi.

La realtà è che ogni progetto richiede una gerarchia personalizzata e unica da stabilire. Ad esempio, un obiettivo popolare per i web designer in questo momento è "Responsive Design". Molti adorano così tanto questo metodo che suggeriscono di assumere una posizione permanente ai vertici della gerarchia degli obiettivi.

Tuttavia, un determinato cliente potrebbe non avere interesse nel perseguire gli utenti mobili in questo momento. O forse hanno già un'app mobile personalizzata e non vogliono pagarti per soddisfare i loro utenti mobili. Questo è un caso in cui la tua preoccupazione per l'utente potrebbe perdere la volontà di ferro di un cliente.

Al contrario, forse il tuo cliente è completamente venduto su Responsive Design e in realtà vuole che sia una priorità assoluta. Ciò imposta una struttura degli obiettivi diversa rispetto all'ultimo progetto.

Conclusione:

Inizia ogni progetto con una gerarchia di obiettivi approssimativi

Il punto di tutto ciò è illustrare che una dimensione non si adatta a tutti nel caso di un design orientato agli obiettivi. Non posso fornirti un elenco di obiettivi chiaramente delineati che puoi quindi applicare a ogni progetto.

Se vuoi essere un designer "fantastico", inizia ogni progetto non in Photoshop ma con una vecchia penna e un pezzo di carta. Elenca alcuni obiettivi per la progettazione, quindi cerca di ordinarli considerando il rapporto cliente, utente, designer. Una volta terminato, ripassa questo approccio concettuale con i tuoi clienti. Saranno probabilmente sorpresi dal fatto che tu sia così completo e desideroso di aiutarti a modificare quella gerarchia su qualcosa con cui possono entrare.

Al termine, sarai infinitamente più preparato a creare qualcosa che sia il più efficace possibile. Inoltre, avere un elenco di obiettivi concordati sul posto ti aiuterà a difendere la tua posizione su un dato conflitto. Se un cliente ti dà una direzione casuale che si allontana dal percorso, puoi estrarre la gerarchia dell'obiettivo già concordata e mostrare come stai cercando di assicurarti che il risultato finale segua questo piano.

Crediti immagine: Dan Zen, Harald MM e Horia Varlan.

© Copyright 2021 | computer06.com