Dilemma del design: negoziazione dei problemi di copyright del logo

Scrive Stayce L.: La mia cliente, con cui ho lavorato per molti anni, sta realizzando il proprio logo, ma vuole che io faccia uno schizzo della loro "mascotte" aziendale che verrà inclusa nel design. Lo schizzo sarebbe una parte significativa del logo. Come devo gestire i diritti / diritti in questa situazione?

Mi è stato chiesto di esaminare questa domanda pubblicata sul gruppo della Graphic Artists Guild di LinkedIn e ponderare con altri designer. Unisciti a noi mentre approfondiamo un altro dilemma del design, contribuendo a rispondere alle tue domande, domande e preoccupazioni sul mondo oscuro del design ...

Esplora Envato Elements

È più complicato di quanto sembri

Stacye ha chiarito un po 'di più la sua domanda:

Nemmeno il mio cliente è un graphic designer, più un fai-da-te. Ma suppongo che l'equivalente sarebbe se un grafico assumesse un illustratore per fornire uno schizzo del logo. Qualcuno là fuori l'ha già fatto?

La mia risposta non è stata completa perché non sono state fornite troppe informazioni. Speravo che avrebbe fornito di più mentre la discussione andava avanti:

Una mia amica ha fatto un'illustrazione per un'azienda nascente che potevano usare sulle loro prime magliette da picnic annuali. Lo hanno poi usato come mascotte e ora appare su tutti gli spot televisivi, annunci stampati e siti Web / annunci digitali. Ha iniziato la sua causa a $ 5 milioni. Ora è fino a $ 20 milioni. Ciò dovrebbe darti una buona idea di quanto può valere un logo illustrato.

Un altro mio amico è un noto artista di fumetti. Quando ha iniziato, un grande studio ha acquistato i diritti per detenere i suoi personaggi per $ 125.000 ciascuno. Questo era solo per non poter vendere i diritti a qualcun altro.

Tu dici "schizzo", ma non menzionare se il cliente desidera un'opera d'arte finita per la riproduzione. Il cliente chiederà a un altro artista di realizzare l'arte finita? Se stai creando l'arte, caricare una tariffa oraria è semplicemente follia. Riguarda l'utilizzo e non il tempo necessario.

Stacye ha risposto con qualche informazione in più:

Grazie per la prospettiva. Questa è una società relativamente piccola (start-up). E sì, vogliono un disegno finito (ma sciolto). Nessun concetto, però; è solo un disegno di una scultura (della mascotte) che sale in cima all'edificio.

"Ricorda, la tua illustrazione può contenere un copyright ma se diventa parte di un marchio devi vendere, o rinunciare al tuo copyright o ci sarà un enorme problema legale per te e il cliente."

Farò sicuramente attenzione ai diritti di utilizzo; forse inserirò una clausola nel caso in cui la società diventi "grande".

Questa non era ancora abbastanza informazione e sembrava che Stayce fosse confusa dall'incarico stesso. A quel punto potei solo rispondere:

Sì, elenca definitivamente l'uso (il mio amico ha elencato il suo personaggio era per una maglietta). Se vogliono acquistare più diritti in un secondo momento, possono farlo.

Lei rispose:

Penso che limitare i diritti di utilizzo consentirà di "aumentare la stanza". Ad esempio: se vendo loro i diritti di utilizzo per un anno e il biz decolla durante quell'anno, possiamo rinegoziare i diritti per il secondo anno.

Probabilmente chiederò anche un pagamento maggiore in anticipo ... Confesso di non aver ancora guardato il libro sui prezzi e le linee guida etiche della Gilda degli artisti grafici (GAG - PEG), dato che sono stato occupato. Stiamo aspettando che la scultura sia completata prima che io possa disegnarla comunque, quindi c'è ancora tempo.

Non vi era ancora una risposta concreta su come procedesse l'intero progetto e quale fosse esattamente il ruolo della sua illustrazione (o "schizzo" mentre la formulava). La mia risposta aveva lo scopo di chiudere questa discussione nel miglior modo possibile senza scrivere un intero capitolo del libro sui diritti d'autore e sui marchi:

I GAG - PEG ti daranno una commissione ridicolmente alta che un cliente più piccolo non sarà in grado di capire. Conserva il copyright per il primo o due anni, chiedi $ 2.500 per l'utilizzo artistico per quel periodo di tempo (suppongo sia un client locale) su articoli di cancelleria, un sito Web, volantini e determinati articoli promozionali e considera fortunato di ottenere così tanto in quel mercato (se il cliente sta facendo il suo logo, deve essere una piccola impresa). Alla fine di due anni, o se il cliente desidera posizionare l'arte su più prodotti, negoziare più denaro per utilizzo. Se l'azienda decolla davvero, puoi caricare di più.

Uno dei problemi è; stai disegnando una statua che sta creando un altro artista, che ridurrà il tuo contributo al logo e potrebbe presentare problemi di marchio se il cliente va a marchio l'immagine della mascotte. Se lo scultore stesse lavorando sul tuo schizzo, quella sarebbe una storia diversa.

Ricorda, la tua illustrazione può contenere un copyright ma se diventa parte di un marchio devi vendere, o rinunciare al tuo copyright o ci sarà un enorme problema legale per te e il cliente.

"Ho elaborato proposte, ecc. Era pronto per andare avanti fino a quando non ho presentato un contratto."

Stayce ha chiuso la discussione scrivendo:

Forse questo è sciocco da parte mia, ma non sono preoccupato per il marchio. Gran parte del lavoro creativo è stato svolto dallo scultore, quindi lei merita il merito. Sto solo disegnando una foto. Penso che sarò felice di vendere diritti limitati al cliente e di rinegoziare i diritti tra circa un anno, quando / se il business diventerà grande.

C'erano altri designer che soppesavano, di solito facendo eco a ciò che avevo scritto, preoccupati per il contratto e le questioni relative al copyright. Un poster, Tim B. aveva una storia interessante:

Di recente ho incontrato un potenziale cliente che voleva farmi rinominare la sua attività, ma non aveva un budget enorme. È venuto da me come amico di un amico. Ho elaborato proposte, ecc. Era pronto per andare avanti fino a quando non ho presentato un contratto.

Ero completamente sincero su ciò che avrebbe acquistato e in quali condizioni. Voleva carta bianca, ma non ero disposto a cedere diritti esclusivi per niente. Ho cercato di spiegare la mia posizione e il fatto che ciò che stavo offrendo era abbastanza normale. Le cose sono andate in pezzi dopo aver messo in dubbio la mia integrità e alla fine abbiamo deciso di separarci.

So che in questa fase potrebbe essere difficile andarsene, ma sii pronto se il tuo cliente non è in grado di accettare i tuoi termini.

Dove questo dovrebbe iniziare e finire

Questo è un grande pasticcio che il cliente avrebbe dovuto prevedere e risolto con un contratto di lavoro a noleggio, effettuando pagamenti adeguati per ciascuna parte responsabile, quindi il cliente sarebbe libero di marcare il logo senza problemi di copyright. Per quanto posso dire dalle informazioni fornite da Stacye (e sono sicuro che fosse tutto ciò che aveva), lo scultore, in quanto creatore della statua da collocare sull'edificio e fungere da mascotte aziendale, possiede il copyright del immagine della statua.

Stacye, in qualità di illustratrice, possiede il copyright del disegno che fa della statua, ma non ha diritti oltre quello poiché la scultura è già un'immagine protetta da copyright e il designer che fa il logo, che incorpora il disegno di Stayce, non può possedere il copyright del logo in quanto contiene materiale protetto da copyright appartenente a Stacye, che è di una statua protetta da copyright. Ha senso?

"Ci sono domande che devono essere poste, brief creativi che devono essere scritti e contratti che devono essere emessi prima dell'inizio dei lavori."

Un poster del gruppo GAG LinkedIn chiedeva se Stacye potesse essere escluso per l'arte finita, che poteva essere data a un altro illustratore per renderlo per l'uso nel logo. La risposta è; sì no forse. Il fatto è, tutto questo, e tutti i soggetti coinvolti devono avere un contratto che spieghi tutti i diritti che vengono acquistati con tutto ciò che viene creato. Sembra che il cliente abbia trascurato di farlo e stia affrontando un forte mal di testa ... o piuttosto supponga solo che tutti i diritti gli verranno restituiti. Stacye ha menzionato che il cliente non è un graphic designer ma un "fai-da-te". Ciò significa che il cliente non ha idea di cosa stia facendo. È disordinato.

Sfortunatamente, molti creativi si entusiasmano quando viene presentato un progetto e la loro unica risposta è; "va bene!" Ci sono domande che devono essere poste, brief creativi che devono essere scritti e contratti che devono essere emessi prima dell'inizio dei lavori. Lascia che questa storia sia un esempio del perché.

Almeno Stayce aveva abbastanza informazioni per renderla nervosa, ma non sui problemi di copyright che la circondavano. Potresti non essere così fortunato da sapere di cose nascoste dietro un progetto come questo. La protezione più forte che puoi avere sono le domande e le risposte e un contratto che imposta tali risposte in termini concreti.

Inviaci il tuo dilemma!

Hai un dilemma del design? Speider Schneider risponderà personalmente alle tue domande - invia il tuo dilemma a [e-mail protetto]!

Speider ha creato progetti per Disney / Pixar, Warner Bros., Harley-Davidson e Viacom tra le altre importanti aziende ed è un ex membro del consiglio di amministrazione della Graphic Artists Guild e copresidente del GAG Professional Practices Committee. Scrive per blog globali sull'etica del design e le pratiche commerciali e ha contribuito a numerosi libri sull'argomento business per i designer.

Immagine © GL Stock Images

© Copyright 2021 | computer06.com