Le donne nel web design: un saggio personale

Guardati intorno nella stanza in cui sei seduto adesso. Quante donne ci sono nella tua riunione di design? Quante donne fanno parte del tuo team di progettazione? Quante donne stanno lavorando a progetti di web design ?

Abbiamo un problema di settore. Il web design, in particolare, è un club per ragazzi ben distinto. Ma perché? Non deve essere. Oggi sto facendo qualcosa di leggermente diverso e sto scrivendo un saggio personale sui miei sentimenti di donna in questo business. Spero che leggerai insieme e ti unirai alla conversazione.

Esplora Envato Elements

È un'industria omogenea

Come qualcuno che lavora principalmente come libero professionista, non penso mai davvero a chi sto lavorando. La maggior parte delle comunicazioni avviene via e-mail, alcune per telefono, ma ci sono pochissime riunioni in cui un gruppo di noi si siede attorno al tavolo. Quindi non mi ero reso conto che la maggior parte delle volte sono una (se non l'unica) donna nella conversazione.

Succede con la scrittura di design. Succede con progetti web freelance. Succede spesso con progetti di design di branding e stampa. E in qualche modo non me ne sono nemmeno reso conto.

Ma c'è un problema lì. Dove sono tutte le donne? Perché non lavorano nel design e nel web design? Abbiamo una strana anomalia o un problema culturale che rende questo lavoro qualcosa che le donne semplicemente non vogliono fare?

La rivista Wired è dedicata a "Equality in the Digital Age" nell'edizione di novembre. Ed è quello che mi ha fatto davvero pensare. Questa è probabilmente una delle prime riviste che ho letto da copertina a copertina da molto tempo.

E il takeaway è questo: il design è un settore piuttosto omogeneo .

Non è solo in luoghi ad alta tecnologia come la Silicon Valley. È ovunque E ci sono storie horror di maltrattamenti nei luoghi di lavoro per le donne tecnologiche. (Non è qualcosa che io abbia mai sperimentato, quindi non proverò a parlargli.) Quando lo guardi in senso lato, ti fa chiedere perché.

Penso a tutti i posti in cui ho lavorato (e lo faccio ancora) e non ci sono molte donne:

  • Tutti i miei attuali redattori e contatti per lavoro freelance sono uomini.
  • Quando lavoravo sui giornali, la maggior parte dello staff di progettazione era di sesso maschile.
  • Guarda Twitter: il mio feed è pieno di persone che mi ispirano ogni giorno sul design. Solo una manciata sono donne. Lo stesso vale per altri ritrovi online di designer comuni come Behance e Dribbble.

La mia ipotesi è che se ci pensate direttamente, questo potrebbe essere difficile da vedere. (Soprattutto a causa del telelavoro, del libero professionista e degli ambienti un po 'isolati che si verificano di conseguenza.) Lo ammetto, non l'ho visto fino a quando i numeri e le storie di Wired non mi hanno fatto fermare a pensarci. Ho dovuto immaginare il mio ambiente per ottenerlo davvero.

E mi sento fortunato. Lavoro con persone davvero fantastiche. Non ho mai avuto i problemi che altri hanno. Eppure ... in qualche modo sento che non è così che dovrebbe essere.

Voglio entrare in un'aula e sentire le ragazze dire che vogliono diventare designer da grandi. O andare in una classe del college e vedere altrettante donne dietro i computer in una lezione di informatica.

E mi sento arrabbiato. Come abbiamo perso queste opportunità? Perché non ci sono più donne nel settore? E come possiamo cambiarlo? Sono arrabbiato perché non ci sono risposte buone o facili.

Ci sono alcuni supereroi là fuori che fanno un nome per le donne del settore. Sono proprio come te e me, che lavoriamo ogni giorno in lavori che amiamo praticamente (beh ... il più delle volte), facendo qualcosa di diverso e creativo. Ecco alcune donne che mi ispirano:

  • Jessica Hische, tipografa e illustratrice
  • Rachel Nabors, illustratrice e consulente di design digitale
  • Kimberly Bryant, fondatrice di Black Girls Code (anche in Wired)
  • Jan Cavan Boulas, designer dell'interfaccia utente, illustratore e designer di icone
  • Manoela Ilic, web designer freelance e una delle persone dietro Codrops
  • Adelle Charles, designer di Bitly

Dove andiamo da qui?

Quindi dove vado da qui? Dove andiamo da qui? Non sono veramente sicuro. Ecco perché volevo scrivere questo saggio, così possiamo iniziare a parlarne come comunità.

Ci sono così tante opportunità per le donne nel design. Amo quello che faccio. È bello far parte di una comunità di così tante persone di talento in tutto il mondo che creano grandi cose. E voglio condividerlo e aprire quelle porte alle ragazze, forse solo ora cominciando a pensare alla domanda: cosa voglio fare da grande? E voglio condividerlo con le donne di metà carriera che si dilettano in un piccolo design ma non sanno che questa può essere un'opzione di carriera utile.

Facciamo questo passo insieme. Progettiamo qualcosa.

© Copyright 2022 | computer06.com