Dilemma del design: paura di iniziare la carriera

Quando ricevo un messaggio, chiedendo aiuto per un dilemma, provo prima a cercare il background della persona. Se hanno un portfolio online, controllo i loro esempi di lavoro. Se hanno un profilo LinkedIn, guardo la loro esperienza. È il modo migliore per offrire consigli che non sono al di sotto del loro livello di esperienza ed evitare di essere offensivi.

Purtroppo, a volte ciò che trovo è deludente e scioccante. È la stessa sensazione che si prova quando si trova una rivista Playboy degli anni '60 in un mercatino delle pulci e ci si rende conto che la piega centrale è tua nonna.

Esplora Envato Elements

Il dilemma

Oltre ad essere sorpreso dal fatto che la nonna fosse piuttosto la "bella" nei suoi giorni più giovani, a volte le sorprese rivelano qualcosa di ancora più scioccante. Quindi, unitevi a noi mentre approfondiamo un altro dilemma di design sorprendente, aiutando a rispondere alle vostre domande, domande e preoccupazioni sul mondo oscuro del design.

Serita G. ha risposto al mio postare un link ad un articolo sul Dilemma del Design su un gruppo di capitoli AIGA su Facebook e ha posto una domanda popolare che i laureati spesso fanno; "Come trovo i clienti?"

Ho risposto con un lungo post sul thread sull'autopromozione e sul marketing, solo per ricevere una brutta risposta, sostenendo tutti i punti che avevo sollevato. Ho elencato parte della mia esperienza come proprietario di uno studio a New York e speravo che potesse fermare i suoi impegni e ascoltare il mio consiglio. Lei no.

“Ha rotto e ha ammesso che aveva paura di provare. L'ho già visto prima e ho provato a parlarle meglio, ma è diventata più arrabbiata e più offensiva. ”

Conoscevo molte persone in quel capitolo poiché avevo parlato lì di recente e avevo ricevuto un messaggio privato da un'amica, che mi diceva di non lasciarmi coinvolgere in una guerra di parole con questa donna poiché si era laureata sei anni fa e si era sempre presentata in gruppi di design o in occasione di eventi di design, discutendo con le persone del settore e delle pratiche commerciali.

Non uno che si allontanasse da un giovane designer, in cerca di aiuto (anche con un atteggiamento negativo), le ho chiesto perché fosse così polemica con la consulenza professionale quando non aveva esperienza. Si è rotta e ha ammesso che aveva paura di provare. L'ho già visto prima e ho provato a parlarle meglio, ma è diventata più arrabbiata e più violenta.

Perché qualcuno dovrebbe frequentare quattro anni di scuola d'arte (e pagare $ 40.000 + per questo) ma non vorrebbe davvero entrare nel campo? Forse le storie dell'orrore che raccontiamo per divertimento e siti come Clients From Hell spaventano più facilmente?

In che modo i giovani designer possono imparare il business?

Sfortunatamente, molte scuole d'arte sono diventate fabbriche di diploma, piuttosto che scuole di studio e dedizione alla creatività. Corsi online e "istituti" a scopo di lucro insegnano il software ma non le effettive capacità di progettazione. Anche le scuole d'arte affermate evitano di insegnare pratiche professionali, rivelando il tipo di liberi professionisti disprezzati dai designer professionisti per abbassare le tariffe e sporcare il rispetto per gli altri designer (incontrare mai un potenziale cliente che si lamenta di come l'ultimo designer ha rovinato un progetto?) .

Mentre la domanda di Serita era legittima, la sua paura rendeva il suo attacco soluzioni sensate mentre aveva paura di implementare. Se lei, così come gli altri studenti, fossero addestrati su come sopravvivere come designer, creerebbe fiducia in loro, sperando di ridurre la loro paura di quello che è un affare molto difficile.

Perché c'è così tanta paura?

Siamo in una professione non regolamentata, non protetta e incompresa. Le scuole d'arte spesso non insegnano le pratiche professionali perché la maggior parte dei creativi non è in grado di dire agli studenti come superare come gli insegnanti. Ho parlato con alcune persone assunte per insegnare corsi di pratica professionale e di solito non sono qualificati per farlo, ma gli amministratori scolastici non sanno quali requisiti sono necessari per insegnare queste cose e, soprattutto, più difficile è rendere l'industria suono per gli studenti, più chi abbandonerà e troverà nuove carriere e modi per spendere soldi per le tasse scolastiche.

"La maggior parte degli studenti pensa che staranno seduti come ospiti onorati, indisturbati dai loro computer, progettando, " svapando "e ascoltando la musica."

Anche dopo decenni di esperienza, c'è sempre un nuovo cliente che ci lancerà in loop quando si tratta di gestire un'attività professionale. Non cambierà mai. I clienti escogitano nuove richieste, nuove ragioni per non pagare e nuove scuse per il creep di portata immensa. Queste sono le storie dell'orrore che i creativi amano condividere sul web e alle riunioni. C'è da meravigliarsi che i giovani designer che hanno appena iniziato siano terrorizzati? Basta leggere alcuni passaggi su Clients From Hell appassirà la forza vitale del professionista più esperto.

Quando vivevo a New York, tenevo una lezione di due ore agli anziani delle scuole d'arte nelle varie scuole della città entrando nella professione. Inevitabilmente, tre o quattro studenti avrebbero corso in lacrime al decano degli studenti, lamentandosi che nessun insegnante aveva mai detto loro quanto sarebbe stato difficile lavorare sul campo. I miei discorsi includevano non solo il libero professionista, ma le situazioni che si presentano nei giochi di potere dell'ufficio. La maggior parte degli studenti pensa che staranno seduti come ospiti onorati, indisturbati dai loro computer, progettando, "svapando" e ascoltando la musica. Rido ancora quando uno studente mi dice che è così per i lavori di progettazione.

Ho sentito troppe idee errate da studenti e neolaureati su quanto sarà facile per loro entrare nel campo e le tre settimane successive ci vorranno per diventare direttori creativi.

"Oh, cercherò solo un agente che mi porti a lavorare", ha detto uno studente.

"Le persone mi troveranno attraverso il mio sito Web", ha detto un altro.

"La mia scuola ha un centro di collocamento / bacheca di lavoro", rispondono troppi studenti.

Di chi è la colpa?

Perché i giovani creativi sentono che entrare nel settore è un salto attraverso un campo di fiori e fiale gratuite di "doppiaggio" o si terrorizzano alla prospettiva di lasciare le stanze della scuola d'arte "facili da sistemare", sicure e calde per il mondo horror che si trova oltre la soglia? Per quello che diciamo noi professionisti esperti. Vuoi essere incoraggiante, ma allo stesso tempo, vuoi che abbiano successo e non trascinino il settore con "il pensiero del cielo".

La triste verità è che, diplomarsi in qualsiasi scuola, in qualsiasi campo non è garanzia di una vita facile o addirittura di ottenere un lavoro. Se Serita ha troppa paura di fare il primo passo nel suo campo di studio prescelto, dovrà trovare qualcos'altro o, come mi ha detto la mia amica quando mi ha avvertito di essere coinvolto in qualsiasi discussione con lei, essere contento del suo lavoro di cameriera ... come il servizio clienti, c'è qualcosa di più facile o più piacevole!

Inviaci il tuo dilemma!

Hai un dilemma del design? Speider Schneider risponderà personalmente alle tue domande - invia il tuo dilemma a [e-mail protetto]!

Immagine © GL Stock Images

© Copyright 2021 | computer06.com