Compromesso con i clienti: gioca bene o prendi posizione?

Di recente sono stato messo in una posizione interessante in cui ho dovuto scegliere tra i miei principi professionali e uno stipendio. Come designer, probabilmente non sei estraneo a questa situazione.

Qual è il giusto corso d'azione? Quando il compromesso è un'azione lodevole e quando rimanere fermi e rifiutare una richiesta è il modo migliore di procedere? Condividerò i miei pensieri attraverso una storia reale e personale.

Una storia troppo vera

Prima di lanciarmi in questa storia completa, dovrei menzionare che i miei sforzi creativi sono abbastanza vari. Oltre ad essere un designer, editore e scrittore, sono anche un fotografo di matrimoni professionista. Fondamentalmente, ogni volta che imparo una nuova abilità, provo a trasformarla in una fonte di reddito. Questa storia riguarda specificamente la mia carriera di fotografo, ma è direttamente applicabile a qualsiasi libero professionista o imprenditore in un campo creativo, in particolare i designer.

"Fondamentalmente, ogni volta che imparo una nuova abilità, provo a trasformarla in una fonte di reddito".

La chiamata

Di recente ho ricevuto una telefonata da un potenziale cliente. L'uomo in questione, lo chiameremo Bob, voleva sapere se ero disponibile a girare il suo matrimonio. A Bob sono piaciuti il ​​mio prezzo e il mio portafoglio e ha detto che gli sarebbe piaciuto lavorare con me. C'era un problema però, non gli piaceva il mio contratto.

A questo punto, i miei messaggi di avviso interni sono in allerta, ma concedo di ascoltarli. Dimmi i tuoi pensieri Bob, vedrò cosa possiamo fare.

La richiesta

Si scopre che a Bob non piace l'idea che i fotografi mantengano i diritti sulle foto che scattano. Concedo effettivamente ai miei clienti i diritti di fare tutto ciò che vogliono con le immagini per uso personale (stampale dove vuoi, mettile su Facebook, impazzisci), ma non è bastato. Bob voleva che gli firmassi il 100% della proprietà dell'opera.

"Consegnerei il consenso completo e senza restrizioni per il cliente a fare tutto ciò che voleva con le mie immagini."

Devi capire, come fotografo, questa è una proposta piuttosto scadente. In questo modo, rinuncerei effettivamente ai miei diritti naturali di utilizzare le foto sul mio sito o qualsiasi materiale di marketing. Inoltre, darei il consenso completo e senza restrizioni per il cliente di fare tutto ciò che voleva con le mie immagini: venderle su un sito di foto stock per i suoi profitti, usarle per propaganda politica sgradevole, tutto va bene.

I miei clienti pagano un buon prezzo per i miei servizi e, di conseguenza, conferisco loro un regno molto più gratuito rispetto alla maggior parte dei fotografi, ma alla fine ho bisogno di conservare determinati diritti sul lavoro che produco.

Un'altra cosa

Come ciliegina sulla torta, Bob ha lanciato un'altra richiesta all'ultimo minuto. I pazzi JPG ad alta risoluzione che normalmente consegno non erano abbastanza. Voleva le immagini RAW inedite direttamente dalla fotocamera.

Ad essere sincero, non riesco a scavare l'intero aspetto "troppo elaborato". Le mie immagini sono destinate ad avere una bellezza naturale che non dipende da effetti o filtri retrò alla moda:

Abbastanza semplice vero? Anche se questo è il caso, passo comunque un bel po 'di tempo nella fase di post-elaborazione assicurandomi che il prodotto che consegno sia il migliore possibile.

La maggior parte dei fotografi di matrimoni professionisti in questi giorni non si sognerebbe di consegnare le immagini direttamente dalla fotocamera, e io non sono diverso. Le immagini che ti do non sono pensate per essere ulteriormente modificate. Sono tutti pronti. Una richiesta per attraversare quella linea è davvero un ordine elevato.

La mia filosofia

Ecco la mia filosofia come fotografo di matrimoni. Se non sei d'accordo, ottimo, non è questo il punto. Il punto è che ho convinzioni serie quando si tratta di affrontare il mio lavoro.

“Come fotografo di matrimoni, non vendo semplicemente foto. Fornisco ai miei clienti la storia del giorno del loro matrimonio come l'ho visto. ”

Come fotografo di matrimoni, non vendo semplicemente foto. Fornisco ai miei clienti la storia del giorno del loro matrimonio come l'ho visto. La distinzione qui è importante.

Per me, queste non sono belle foto. Sono un'opera d'arte che lavoro sodo per costruire, da prima che io faccia clic sull'otturatore al minuto in cui finisco di elaborarli. È tutto un processo che mi porta a un prodotto di cui posso essere orgoglioso di apporre il mio nome. Egoista o no, quel pezzo di credito è importante per me, così come la qualità del prodotto finito.

Sembra un cliché, ma faccio foto perché mi piace questo processo. Fare soldi è un bonus, ma è la sfida e il godimento dell'arte che mi fanno rinunciare ai miei fine settimana a tali sforzi.

Una questione di fiducia

Ciò che questo cliente richiedeva si discostava significativamente da quello che offro normalmente. Era anche un po 'impreciso, no? Perché Bob ha insistito perché gli venissero concessi i diritti completi sulle foto anziché solo quelli per uso personale?

"Questo mi dice qualcosa di vitale: Bob non si fida di me per consegnare il prodotto che vuole".

Inoltre, perché ha richiesto l'accesso ai file RAW inediti? L'unica risposta possibile sarebbe in modo che potesse prendersi la responsabilità di modificare le foto (e possibilmente usarle nel lavoro commerciale). Questo mi dice qualcosa di vitale: Bob non si fida di me per consegnare il prodotto che vuole.

Quando mi assumi, acconsenti all'idea che la mia storia, come mostrato dal mio portafoglio, abbia indicato che sono in grado di fornirti un prodotto di cui sarai soddisfatto e, si spera, anche tesoro per l'intera durata del tuo matrimonio. Se questa affermazione non è vera, non possiamo e non dovremmo lavorare insieme.

Il compromesso può essere una buona cosa

Così il gioco è fatto. Mi è stata presentata un'offerta e mi è stato chiesto di violare praticamente la maggior parte dei miei tipici principi professionali. Come ricompensa per i miei problemi, mi è stato offerto un pagamento extra.

Ora mi trovavo di fronte a una decisione. Prendo i soldi e sorrido fino alla banca o rifiuto fermamente sulla base di una strana bussola morale autoimposta?

"Prendo i soldi e sorrido fino alla banca o rifiuto fermamente sulla base di una strana bussola morale autoimposta?"

È facile razionalizzare in queste situazioni. Dopo tutto, il compromesso non è una buona cosa? La risposta a questa domanda dipende dal compromesso. Sono fermamente convinto che i liberi professionisti possano rimanere invischiati con protocolli sciocchi che in realtà non valgono la pena difendere fino alla morte. In questi casi, il compromesso può essere eccezionale. Mostra al tuo cliente che sei disposto a piegarti un po 'per assicurarti che siano soddisfatti del tuo servizio.

Ad esempio, fornisco un download digitale delle mie foto finite ai miei clienti. In alcuni casi, qualcuno mi chiederà invece di masterizzare e spedire loro un DVD. Mi costa un piccolo extra? È più lavoro? Sì. Non importa, sono disposto a fare quel miglio in più se è quello che vuole il cliente.

Difendere i tuoi principi

Sì, il compromesso può essere una buona cosa, può anche essere una grande cosa. Tuttavia, questo non è sempre il caso. Non sono sicuro di chi abbia prima scherzato sul fatto che il cliente avesse sempre ragione, ma quell'uomo era un idiota.

"Non sono sicuro di chi abbia prima scherzato sul fatto che il cliente avesse sempre ragione, ma quell'uomo era un idiota."

Quando una richiesta si pone al centro dei principi su cui gestisci la tua attività, qualunque essi siano, è tempo di prendere una posizione. Dire "no" a un cliente è una cosa perfettamente accettabile da fare. Lo dico abbastanza spesso!

Spero che la tua situazione finanziaria sia abbastanza forte da non dover mai affrontare la scelta di violare i tuoi principi o pagare l'affitto. Detto questo, rifiutare il lavoro retribuito non è mai facile. Sappi solo che ci sono molti casi in cui è la decisione giusta.

Cosa dovrei dire?

Se decidi di scendere a compromessi, la tua battaglia è solo a metà. Ora devi decidere come trasformare la tua decisione in una risposta al cliente.

Il mio consiglio è di mantenerlo semplice e onesto. Non devi essere sdolcinato e drammatico, devi solo spiegare che semplicemente non sei disposto a fornire ciò che il cliente desidera. La tua attività non è strutturata per soddisfare questa richiesta e non lo sarà mai. Grazie per l'inchiesta, buona giornata. È così semplice.

"Mi sono concentrato sulla mia passione per quello che faccio e come lo faccio, non sul fatto che le sue richieste fossero o meno grandiose."

Quello che ho detto a Bob non era troppo diverso da quello che ho detto qui. Ho brevemente spiegato la mia posizione sulle sue richieste e gli ho detto che semplicemente non sono il tipo di fotografo che sta cercando di assumere. Mi sono concentrato sulla mia passione per quello che faccio e su come lo faccio, non sul fatto che le sue richieste fossero o meno grandiose.

Alla fine, ha capito la mia posizione e ha detto che lo rispettava. Non c'erano discussioni accese, solo una conversazione amichevole in cui due persone di opinioni diverse decisero di non lavorare insieme. In realtà non deve essere più di questo.

Come affrontate il compromesso?

Spero che la mia storia ti aiuti a incoraggiarti la prossima volta che un cliente ti chiede di andare contro qualcosa in cui credi. Sia che altre persone lo vedano come ridicolo o no, se qualcosa è importante per te, non dovresti lasciare che i clienti o anche altri i creativi ti armano di compromessi.

Se hai affrontato una situazione in cui una richiesta del cliente ti metteva in una situazione imbarazzante, voglio sentirne parlare. Lascia un commento qui sotto e racconta la tua storia.

© Copyright 2021 | computer06.com