5 domande da porre per decidere quando licenziare un cliente

Una delle cose straordinarie dell'essere un designer freelance è la libertà di scegliere con chi sei disposto a lavorare. A differenza della folla dalle nove alle cinque, noi liberi professionisti non abbiamo sempre capi o colleghi con cui siamo semplicemente bloccati. Se non ci piace lavorare con qualcuno, li licenziamo e andiamo avanti.

Anche se questo processo suona dandy in teoria, la realtà è molto più complicata. Come chiunque altro, abbiamo mutui, bollette e un bisogno fastidiosamente costoso di mangiare quasi ogni giorno. Se hai un cliente che non riesci a sopportare, segui le domande sottostanti per decidere se puoi abbandonarlo o meno (e se dovresti).

Vai d'accordo?

Questa domanda può sembrare un po 'arbitraria. Dopo tutto, sei un professionista giusto? Se qualcuno richiede i tuoi servizi ed è disposto a pagare, a chi importa cosa pensi di loro a livello personale? Tuttavia, nonostante queste legittime obiezioni, la questione se tu sia compatibile con un'organizzazione o con un individuo può svolgere un ruolo enorme nella stabilità di una relazione professionale a lungo termine.

So per esperienza, lavorare con un cliente che non puoi sopportare quotidianamente può davvero iniziare ad avere un impatto su diversi aspetti della tua carriera. Diventi meno soddisfatto del tuo lavoro mentre l'entusiasmo per il fare ciò che ami inizia a calare, la qualità del tuo lavoro diminuisce e le tue relazioni con altri clienti ne risentono.

Questo non vuol dire che devi essere il migliore amico di tutti i tuoi clienti per amare il tuo lavoro. Ordinare i tuoi clienti in base a quelli che occasionalmente ti innervosiscono rispetto a quelli che non lo fanno probabilmente ti metteranno in una posizione di disoccupazione virtuale. Alla fine il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di farlo funzionare e andare d'accordo nel modo più umanamente possibile, specialmente con quelli che hanno il potenziale per offrirti un flusso di reddito a lungo termine. Tuttavia, ci saranno momenti in cui continuare a lavorare con qualcuno produrrà più danni che benefici.

C'è un abuso?

Questa domanda sembra un po 'più seria di quanto si pensi. L'abuso fisico, le molestie sessuali o qualcosa del genere è decisamente grave e ovviamente vale la pena licenziare un cliente, ma la maggior parte dei liberi professionisti ha probabilmente maggiori probabilità di subire un diverso tipo di abuso: l'abuso di potere. Questo particolare marchio di abuso ha molti gusti divertenti, i miei tipi preferiti di clienti abusivi sono descritti di seguito.

The Ruthless Ruler

Quando qualcuno ti assume per fare un lavoro per loro, o lo vedono come una partnership in cui due parti lavorano insieme in una relazione reciprocamente vantaggiosa verso un obiettivo comune, o una monarchia in cui hanno la massima regola su di te, il soggetto minore e il lavoratore grugnito. Quest'ultima descrizione è ovviamente un po 'estrema ma è tuttavia una mentalità molto reale che innumerevoli persone sono costrette a sopportare dai propri datori di lavoro e clienti.

Ho lavorato per persone che hanno insultato il mio lavoro, intelligenza e competenza come designer pochi minuti dopo (o prima) salutando qualcos'altro che ho reso incredibile. Questo tipo di attacchi bipolari e omonimi non ha assolutamente posto in una relazione di lavoro professionale. Non immaginare che nessuno, a prescindere dalla sua autorità su di te, abbia il diritto di trattarti in questo modo.

In queste circostanze, è necessario definire chiaramente i termini in base ai quali si è disposti a lavorare. Spiega che sei disposto a ricevere feedback e apportare le modifiche richieste, a condizione che il processo sia razionale e ragionevole. Se il cliente semplicemente non riesce a comportarsi come un normale essere umano, fatevi un favore e trovate il modo di abbandonarli completamente.

The Deadline Demend

Spesso mescolato con uno degli altri tipi di maltrattatori, il diavolo della scadenza è il ragazzo che ti chiama con un nuovo progetto alle 17:00 di venerdì e vuole vedere qualcosa entro domenica mattina o prima (le persone con cui lavoro chiamano questi "fuori dal progetti blu e improvvisamente dovuti). Ho già detto che uno dei modi migliori per far vedere ai tuoi clienti come prezioso è quello di imbattersi proprio in una situazione del genere. Tuttavia, il pericolo di ciò è che il cliente possa abituarsi e arrivare ad aspettarselo da te piuttosto che riconoscere quanto devi impegnarti per completare tale compito.

Se sei sposato con il tuo lavoro, lavorare in questo modo potrebbe non essere un problema. Per chiunque altro, un tale stile di vita inizia ad avere effetto rapidamente. Fai sapere al tuo cliente che preferisci avere un lead time significativo su un progetto (sii specifico) e considera la possibilità di impostare una commissione che entrerà in vigore ogni volta che non soddisfa i tuoi requisiti. Ciò ti consente di accettare ancora il lavoro e farà riflettere i tuoi clienti due volte se è davvero necessario che il lavoro sia completato così presto.

Le probabilità sono che ti imbatterai in uno o due clienti che verranno insultati all'imposizione di una tale tassa. Mantieni la tua posizione e dì loro che sei più che disposto ad accettare scadenze brevi purché siano disposti a capire che tale lavoro crea tumulto con altri progetti esistenti e quindi deve essere fatturato a un tasso più elevato. Se si rifiutano, ringraziateli gentilmente per l'opportunità e rifiutate il lavoro.

Il ragazzo dei favori

Questo è forse il tipo più abusivo di abuso perché è così raramente etichettato come tale. Ogni designer si rende rapidamente conto che clienti, amici, parenti lontani, vicini e sconosciuti di passaggio sono abbastanza inclini a pensare che i designer dovrebbero essere più che disposti a offrire loro favori di design professionali: alias, lavoro libero.

Eseguire tali favori è una linea sottile da percorrere e esattamente dove dovrebbe essere tracciata quella linea è diverso per ogni designer. Personalmente sono abbastanza incline a fare favori rapidi per i clienti a costo zero. È un ottimo modo per ottenere favore e far loro vedere che sei un essere umano decente. Tuttavia, questa tendenza si è ritorta contro di me più di una volta. Mi sono ritrovato a dare critiche dettagliate gratuite al web design per un cliente su base giornaliera e a creare interi siti Web per persone che non conosco nemmeno.

Il punto è che questi tipi di favori possono in realtà essere un abuso del tuo talento professionale. Alcune persone sono abbastanza carine e semplicemente non capiscono quanto chiedono, altre stanno solo cercando un passaggio gratuito. Il modo in cui gestisci amici e conoscenti dipende da te, ma il mio consiglio è di fare attenzione ai clienti che sembrano ottenere più lavoro gratuito da te che lavoro retribuito. Queste persone semplicemente non apprezzano la tua professione e dovrebbero essere abbandonate. Dopo tutto, se lavori gratuitamente, cosa hai da perdere inscatolandoli?

The Cheapskate

Il cheapskate è quel client che ti consente di fatturare a un tasso molto più basso rispetto a tutti gli altri. Lui o lei è sempre "in difficoltà" o "ha bisogno che tu vada piano con questo." L'abuso non è che non hanno grandi budget, ma che i progetti non sono proporzionali ai loro budget. Va bene dire a un designer che puoi spendere solo $ 300 per un progetto, ma se quel progetto è un complicato design di sito Web multipagina personalizzato e codifica back-end, stai spingendo la fortuna.

Diffidare di dare ad alcuni clienti un trattamento preferenziale. Lavorare in questo modo può davvero trattenerti nella tua carriera e opportunità di guadagno. I liberi professionisti si trovano spesso in una situazione precaria di voler caricare di più ma avere paura di perdere del tutto il lavoro se ci provassero. La prima cosa che dovresti fare è assicurarti di non sopravvalutare te stesso. Cerca di assumere altri con esperienza e background comparabili per vedere cosa stanno caricando. Quindi, regola la tua tariffa di conseguenza e mantienila per un periodo di prova. Potresti perdere alcuni clienti a basso costo ma colmare il rallentamento con lavori a pagamento più elevato.

Ti piace il lavoro?

Una delle domande più importanti da porsi mentre si considera se licenziare o meno un cliente è quanto ti piace il lavoro. A volte puoi avere un ottimo cliente che paga abbastanza bene, ma semplicemente odi il lavoro che stai facendo per loro. Se il lavoro è snello e difficile da seguire, ti consiglio assolutamente di succhiarlo e prendere il lavoro. Detto questo, fare un lavoro che semplicemente non ti piace può davvero pesare su di te.

Ho fatto di tutto, dal design del marchio al layout dei coupon, fortunatamente mi piacciono le sfide presentate dalla maggior parte dei tipi di design e solo occasionalmente mi imbatto in qualcosa che semplicemente non sopporto. Il lavoro che tendo a evitare, se possibile, è quello che richiede meno design e ripetizione più insensata. Un altro grande problema è quando i clienti vogliono sempre che tu utilizzi le loro risorse approvate, ma ti offrono arte assolutamente orribile. È difficile amare il tuo lavoro quando metti il ​​logo orribile del tuo cliente che non hai fatto sulla loro orribile foto d'archivio che non hai selezionato insieme al loro titolo zoppo che non hai scritto. A volte per colpa tua, il prodotto finale è qualcosa di cui ti vergogneresti di ammettere di aver creato.

Potresti essere il contrario. Forse ami il rompicapo del tentativo di far sembrare buone risorse cattive, ma odi progettare da zero. Qualunque cosa tu ami fare, persegue il lavoro che ti permetterà di trascorrere la maggior parte del tempo a farlo.

Hai tempo per il lavoro?

Questa è la domanda con cui ho più difficoltà. Tendo a essere entusiasta di nuove opportunità e di conseguenza mi ritrovo a lavorare 15 ore al giorno più volte alla settimana. A volte la decisione di licenziare un cliente dipende solo dalla quantità di tempo che puoi dedicare ai progetti di quella persona. Stranamente, questa situazione può trasformare licenziare un cliente in te, facendogli davvero un favore.

Accogliere un cliente significa impegnarsi a fornire un lavoro tempestivo e di qualità. Meno tempo devi dedicare adeguata attenzione ai progetti di un cliente specifico, più la tua qualità ne risentirà. In queste circostanze, spiega che semplicemente non puoi dedicare il tempo che meritano i loro progetti. Rendi evidente che alla fine vuoi ciò che è meglio per loro e che hai capito che sarebbe effettivamente meglio lavorare con un altro designer. A questo punto, se hai amici o conoscenti professionisti che sono anche designer, è il momento perfetto per lanciare alcuni riferimenti. Il tuo cliente non si sentirà così tanto come se li stessi lasciando in alto e asciutti e il tuo amico apprezzerà il business extra.

Hai bisogno del cliente?

Quest'ultima domanda è la più importante di tutte e potrebbe anche essere la prima da porre. A seconda della risposta, molte delle risposte alle domande precedenti potrebbero diventare irrilevanti. Qualcuno una volta mi ha detto che il design freelance è un affare di "festa e carestia". Ciò significa che a volte avrai più lavoro di quello che puoi gestire e altre volte sarai costretto a prendere tutto ciò che puoi ottenere. Esistono due aree chiave da esaminare per stabilire se è necessario o meno un client:

I soldi

Ovviamente, il fattore più urgente è spesso finanziario. Puoi permetterti di licenziare questo cliente? Non dire "sì" troppo in fretta senza dare una buona occhiata a come appariranno le tue entrate senza il cliente in questione. Esamina i tuoi obiettivi finanziari sia a lungo che a breve termine e decidi se puoi ancora raggiungere questi obiettivi eliminando una parte del tuo lavoro e anche se vale la pena sacrificarli o meno.

Se la risposta è no, la situazione diventa piuttosto difficile ma non significa che dovresti arrenderti. È qui che entra in gioco il fattore successivo.

Lavori di sostituzione

Il fatto che ci si possa permettere o meno di abbandonare un cliente dipende in gran parte dal fatto che sia possibile (o addirittura necessario) sostituire il reddito che il cliente vi stava fornendo. Ovviamente, se non hai problemi a farlo, smetti di deliberare e lascia il cattivo cliente a favore di uno migliore. Tuttavia, i designer freelance non hanno sempre persone che sbattono la porta con potenziali progetti. In queste circostanze, scoprire se è possibile sostituire il lavoro richiede molto più sforzo.

Il mio miglior consiglio è di non prendere decisioni affrettate sull'abbandono dei clienti prima di aver fatto i compiti. Inizia a cercare un lavoro extra per vedere cosa succede prima di prendere in seria considerazione di licenziare qualcuno. Alcuni designer si dicono che sarà un gioco da ragazzi e sono sbalorditi quando il loro telefono non inizia a squillare semplicemente perché si sono dichiarati disponibili per il lavoro sul loro sito Web. Altri designer immaginano che il mercato del design freelance sia un luogo molto più brutale di quello che è in realtà e che in realtà avrà un tempo molto più semplice di sostenersi di quanto si aspettino.

Il punto è che non lo saprai finché non ci provi. È sempre difficile cercare lavoro quando in realtà sei troppo occupato a lavorare, ma vale la pena fare uno sforzo in più per vedere se riesci a ottenere alcuni nuovi account. Anche se sei abbastanza soddisfatto dei tuoi clienti e del carico di lavoro attuale, è sempre una buona idea proteggere le tue scommesse ed esplorare altre opzioni.

Pensieri finali

Recentemente sono stato costretto a licenziare un paio di clienti e il processo non è stato affatto divertente. Le domande di cui sopra mi hanno portato non solo una piccola quantità di deliberazione e stress, ma alla fine hanno dovuto essere poste. Il mio ultimo consiglio è di essere furbo quando licenzia un cliente. Spesso non è necessario bruciare ponti e rovinare relazioni. È vantaggioso per entrambe le parti separarsi pacificamente mantenendo aperta la possibilità di lavorare di nuovo insieme in futuro. Se riesci a gestirlo, questo è il miglior scenario possibile e può trasformare l'intero processo in un'esperienza abbastanza positiva.

© Copyright 2021 | computer06.com