10 modi in cui i designer risolvono i problemi

I progettisti, per natura, sono risolutori di problemi. Ogni progetto è un problema o una sfida che comporta aiutare altre persone a capire qualcosa. I progettisti devono vedere attraverso tutta la nebbia e il disordine per creare una soluzione.

Questo tipo creativo di risoluzione dei problemi viene in parte naturale, ma alcune delle azioni vengono apprese. Ti sei mai fermato a pensare a come lavori per risolvere i problemi? Qui esamineremo 10 modi in cui i progettisti fanno proprio questo con una raccolta di immagini astratte per ispirare parte di quel pensiero di problem solving.

1. Pensa agli utenti

I progettisti devono considerare il pubblico per tutto ciò che fanno dall'inizio di qualsiasi progetto. Questo processo comporta considerazioni che incidono sulla progettazione, dal colore alla tipologia alle immagini, ed è qualcosa che può aiutarti a comunicare meglio con gli utenti.

Quando si pensa al pubblico e agli utenti ci sono alcune domande che i designer dovrebbero porre? Pensando a come verrà ricevuto il design, può essere pianificato meglio.

  • Come funzionerà questo oggetto?
  • Le scelte di colore creano l'atmosfera giusta?
  • Il tipo è sia leggibile che facile da leggere?
  • Cosa prova l'utente quando interagisce con questo design?
  • Il design corrisponde all'immagine e alla persona dell'azienda / marchio?

2. Visualizza come funziona

Immagina di interagire con il prodotto finale. Che si tratti di un sito Web, un biglietto da visita o un'etichetta su una bottiglia di vino, le persone guarderanno e spesso toccheranno il design in qualche modo. Come funziona? Qual è l'utilità del design?

I progettisti creeranno spesso una versione del modello durante il processo di progettazione che imita il modo in cui queste interazioni funzioneranno per valutare l'efficacia del concetto di design complessivo. Questo tipo di problem solving considera prima l'uso e la funzione effettivi e l'estetica in secondo luogo.

3. Sviluppa più soluzioni

La parte del processo in cui i designer possono davvero divertirsi (o trovare un'enorme frustrazione) è nello sviluppo di più soluzioni a un singolo problema. Pensa al numero di progetti in cui hai progettato qualcosa che pensavi potesse piacere al cliente, qualcosa che ti piace e qualcosa che cade da qualche parte nel mezzo.

Ogni progetto di design offre l'opportunità di provare una moltitudine di cose. Il risultato finale può apparire come uno di questi primi concetti, un ibrido di concetti o nessuno dei precedenti. Questa evoluzione e flessibilità di evoluzione è un tratto chiave della maggior parte dei professionisti del design.

4. Invita la partecipazione

La collaborazione è la chiave del successo. Senza input lungo la strada, molti designer concorderebbero sul fatto che molti progetti non andrebbero allo stesso modo.

Ma devi invitare quella partecipazione. Chiedi aiuto lungo la strada. Raccogli feedback su idee, scelte di colore e tipo, immagini e funzioni. (Come designer, sono sempre stato abituato a feedback e collaborazione costanti nei progetti, tanto che sono sempre un po 'sorpreso quando gli altri non sono così abituati a questo tipo di flusso di lavoro.)

5. Immergiti nel progetto

Pensa a tutte le volte in cui ti sei "bloccato" per lavorare su un progetto e farlo finire. Può essere oneroso, costringendoti a pensarci anche quando non lavori.

Anche quelli di noi che non partecipano a un singolo progetto spesso scoprono che è sempre nel cervello. Quel processo di pensiero sta accadendo tutto il tempo e spesso si traduce in quel "momento a-ha" quando tutto si riunisce e senti il ​​bisogno di mettersi subito al lavoro.

Buoni o cattivi, i designer hanno spesso difficoltà a separarsi dai progetti di lavoro. Qualsiasi incontro o lirica di canzoni o conversazioni può provocare la scintilla che aiuta a finire un lavoro.

6. Scadenze

Importante quanto l'immersione è la scadenza. La maggior parte dei designer concorderà sul fatto che un progetto non inizia mai (o inizia se siamo completamente onesti) fino alla scadenza. C'è solo qualcosa in quella pressione che fa fluire i succhi creativi.

Per quanto i progettisti lavorino con le scadenze, anche spingerli è un fattore determinante. Non fa parte del processo di cui molti sono particolarmente orgogliosi, ma succede qualcosa.

7. Butta via tutto e ricomincia

A volte il miglior design è qualcosa che non ha mai fatto parte del piano. I progettisti devono essere distaccati da concetti e frammenti fino a quando non lavorano nel giusto contesto. I progettisti devono essere disposti a eliminare completamente il lavoro svolto su un progetto e ricominciare da capo.

Succede più frequentemente di quanto potresti pensare. E non è perché il design è cattivo o il concetto è sbagliato. Potrebbe non essere giusto per il progetto o il client o il panorama attuale.

C'è un avvertimento a "buttare via il tuo disegno". In realtà non buttarlo via se ti piace. Conservare le parti, i pezzi e i campioni archiviati per un'altra volta, a condizione che non siano stati contratti a un cliente. (Ho un intero file di parti di design non utilizzate a cui è bene tornare indietro.)

8. Guardando agli altri

Sfoglia le gallerie, guarda i vincitori, parla con altri designer e visualizza i loro portafogli. Alcuni dei migliori problemi di soluzione provengono dal design brillante di coloro che ci circondano.

Mentre stai guardando tutto quel design, pensa al mondo che ti circonda come un concetto di design. Come funzionano i colori insieme? Quali forme ci circondano? E poi ne parliamo. Brainstorming stesso e come effettivamente accade per te e gli altri.

9. Considerare il processo

C'è molto pensiero sul concetto di "pensiero progettuale". Tim Brown, presidente e CEO di Ideo, ha persino un blog ad esso dedicato. Pensare al processo e ai concetti del design thinking può aiutarti a capire e capire meglio il tuo processo.

Il pensiero progettuale è pensato per essere un processo in forma libera con alcune fasi comuni che possono avvenire in qualsiasi ordine, o no. Questi includono la definizione di un progetto o un problema, la ricerca, il brainstorming e la generazione di idee, la progettazione e la prototipazione, la selezione di idee e concetti, l'implementazione del design, il feedback e l'apprendimento. Questo processo comporta tratti comuni con cui molti designer possono identificarsi: creatività, pensiero indipendente, empatia, ottimismo e curiosità.

Quindi il processo - che probabilmente non è affatto un processo - è ciò che rende unico questo metodo di risoluzione dei problemi.

10. Scegli un'opzione e vai

Ad un certo punto, ogni disegno lancerà i dadi. Smetti di modificare, regolare e basta.

Spesso questo è per i designer. Quando lavori come freelance o su un articolo specifico che viene stampato, ad esempio, questa è la fine della riga. I designer consegnano le redini e si staccano dal progetto.

Ma se sei in grado di continuare a lavorare sul design, continua a imparare dal progetto e pensa a come si evolverà. (Ciò è particolarmente vero nell'universo digitale.) Il progetto è esteticamente alla moda? Quanto durerà questa tendenza prima che sia tempo di andare avanti? Il pubblico risponde come hai immaginato?

Conclusione

Pensare al design e alla risoluzione dei problemi può essere utile per espandere il modo in cui si pensa al design in generale. Può anche aprire discussioni con altre persone con cui lavori sul tuo processo e su come pensi di creare migliori linee di comunicazione e comprensione.

Per i progettisti, può essere altrettanto importante modificare e adattare il processo come comprenderlo. Come pensi quando si tratta di problem solving? Condividi i tuoi pensieri con noi nei commenti.

Immagini da Little Visuals .

© Copyright 2021 | computer06.com